A Pordenone cartello denigra napoletani, polemica in rete. De Magistris: “Rimuovetelo subito”


Il sindaco del Friuli: “L’iniziativa di un singolo”

“Lasciate pulito, non siamo a Napoli: civiltà significa rispetto della città in cui si vive”: il cartello, attaccato questa mattina a tre cassonetti dei rifiuti di una via residenziale alla prima periferia di Pordenone, è diventato virale e sta spopolando sui social con migliaia di visualizzazioni e polemiche. Ora il sindaco di Napoli ne chiede la rimozione immediata. La reazione del capoluogo partenoepeo è netta e compatta. Il sindaco di Pordenone prende le distanze e giudica l’iniziativa come il gesto di un singolo cittadino.

in riproduzione….

A postare il cartello, diventato virale,  è stato un residente, di origini napoletane, della cittadina friulana, che ha girato un filmato poi diffuso sul web. Il gesto è stato stigmatizzata dalle altre persone che risiedono nel quartiere.

La reazione del sindaco di Napoli

Il sindaco di Napoli scrive subito una lettera al sindaco leghista di Pordenone, Alessandro Ciriani, per denunciare l’ennesimo caso di “intolleranza” verso i napoletani.
Le immagini di quel cartello, virali sui social, hanno fatto infuriare l’amministrazione del sindaco Luigi de Magistris che, tramite lo sportello ‘difendi la citta e la delegata all’autonomia, flavia sorrentino, si appella direttamente al primo cittadino di pordenone per chiedergli di intervenire “in prima persona per la rimozione immediata dei cartelli” e di prendere “tutti i provvedimenti necessari se il responsabile di tale gesto dovesse essere un dipendente comunale. Diversamente, il comune, interverrà in tutte le sedi opportune per tutelare il buon nome e l’immagine della città di Napoli”.

Lo sportello “Difendi la città di Napoli”

“Servirsi del nome di Napoli come esempio di negatività è diventata abitudine deprecabile – scrive Flavia Sorrentino Sorrentino, responabile dello  Sportello ‘difendi la citta” -, discutibile e contestabile. Numerose segnalazioni da parte dei cittadini sono pervenute allo sportello difendi la città e sui social l’eco non è mancata a testimonianza di come sia sempre più forte la risposta di orgoglio di tanti napoletani che non si rassegnano alle offese. Confidiamo che questo gesto non rispecchi il suo pensiero nè il pensiero della maggioranza dei pordenonesi”.

L’assessore all’ambiente di Napoli

Sul caso si è espresso anche l’assessore all’Ambiente del comune di Napoli, Raffaele Del Giudice, mostrando degli articoli sull’emergenza rifiuti apparsi sui media non della campania ma di altre regioni d’italia. “Napoli è culla di civiltà. Il bene per le nostre città – ha sottolineato del giudice – deve sempre essere custodito e valorizzato, in tutta italia, in tutta europa, in tutto il mondo. Quella scritta non rappresenta pordenone ma sappiamo che napoli non si sarebbe mai espressa utilizzando quella frase. Quei cartelli vanno gettati nei contenitori della

in riproduzione….

Il sindaco di Pordenone

Ma da Pordenone, il sindaco Alessandro Ciriani, sostiene che si è trattato “dell’iniziativa di un cretino” . “Se la città fosse tappezzata di cartelli contro Napoli potrei anche capire questa protesta della Rete –  commenta il Cirian – Pordenone non ha nulla a che fare con questa persona”. Pordenone, ha ricordato, “ha una storia che parla da sé”. Quel cartello, ha proseguito, “ha indignato tutti, pordenonesi di oggi e di ieri, napoletani che abitano qui da sempre e appena arrivati, ma non dobbiamo ingigantire questa storia: il Comune non solo ha preso le distanze, ma ha già provveduto, appena informato dell’accaduto, a rimuovere i tre fogli”, ha aggiunto il primo cittadino friulano. “Il gesto scellerato di un singolo individuo – ha concluso Ciriani – non può minare la storia di una città che è fatta di generosità e altruismo, apertura mentale e condivisione”.
Da Napoli risponde con ironia e fermezza l’assessore all’Ambiente, Raffaele Del Giudice: “Quella scritta non rappresenta Pordenone, ma neanche Napoli, perchè Napoli è una città di grande cultura”.

08 gennaio 2019 – Aggiornato alle





SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml