Stop al ricovero di tre giorni per l’interruzione volontaria di gravidanza farmacologica in Lombardia: a partire del prossimo anno la pillola Ru486 potrà essere somministrata in day hospital, come ha annunciato l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera in commissione Sanità. Fino ad ora, invece, erano previsti tre giorni di ricovero

La novità è contenuta nella delibera che aggiorna le regole del sistema sanitario regionale per il 2019 e che sarà votata dalla giunta lombarda lunedì. Con questa modifica l’interruzione farmacologica di gravidanza sarà così equiparata a quella chirurgica. Nelle settimane scorse l’assessore Gallera aveva annunciato l’intenzione di “istituire una commissione di medici per far approfondire loro il funzionamento e l’esito dei modelli adottati dalle altre regioni”.

 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml