ROMA – L’Africa occidentale – si apprende da Info-Cooperazione, punto di riferimento in rete della communità italiana della Cooperazione internazionale – prova a recidere i legami con la Francia; un progressivo allontanamento dall’ex colonizzatore europeo che potrebbe concretizzarsi anche sul piano economico, oltre che politico, con l’arrivo di una moneta unica che sostituirebbe il controverso franco CFA. Si tratta di una nuova valuta comune, denominata ECO, che avvicinerà invece alla Cina i paesi della Cedeao (Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale) con il possibile ancoramento allo yuan. Negli scorsi giorni si è svolta ad Abidjan la riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle Banche centrali della Cedeao, nel corso della quale si è discusso molto del progetto di moneta unica dell’area. La Cedeao, che conta al suo interno otto diverse monete, punta ad arrivare all’adozione di una moneta unica entro il 2020, come concordato nell’ultima riunione dei capi di stato e di governo regionali che si è tenuta a febbraio in Ghana. 

Il CFA legato al tesoro francese e arma di consenso. Al progetto dovrebbero aderire 13 Stati africani, a partire da Costa D’Avorio e Senegal, e circa 350 milioni di persone in attesa di capire se anche l’immensa Nigeria, prima economia del continente, può sposare un progetto davvero rivoluzionario. Il franco CFA, la moneta legata al tesoro francese, in diffusione sin dal secondo dopoguerra, è stata spesso oggetto di critiche e viene sempre più spesso utilizzata come arma di consenso durante le campagne elettorali, come recentemente accaduto proprio in Senegal.

Dall’orbita di Parigi a quella di Pechino.  Ora l’area occidentale dell’Africa, seguendo il clima di volontà di emancipazione da Parigi espresso più volte per esempio dal Ghana ventila l’uscita dall’orbita francese e prospetta l’ingresso nell’area di influenza cinese.  Da anni ormai la Cina è la potenza più presente nel continente, non solo nell’area orientale dell’Africa. Anche da qui potrebbe nascere la decisione di ancorare la nuova moneta Eco potrebbe essere ancorata allo yuan cineseanche per evitare eccessive oscillazioni. Pechino non potrebbe che esserne felice,  si tratterebbe del naturale sviluppo di un processo che ha portato all’inserimento della moneta cinese tra le sue riserve valutarie, con la Cina che rappresenta il principale partner commerciale della maggior parte dei paesi africani.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml