ROMA – Amazon avrebbe scelto dove sorgerà il suo secondo quartiere generale. Confermando le ultime indiscrezioni, la sede dovrebbe dividersi in almeno due grandi poli: New York (a Long Island) e Crystal City, sobborgo della contea di Arlington, in Virginia e a due passi da Washington. Per l’annuncio ufficiale sarebbe questione di ore. Lo afferma il Wall Street Journal, che non esclude la possibilità che altre città possano ospitare alcuni uffici distaccati. Amazon avrebbe quindi deciso di presidiare la costa est (la sua sede storia è a Seattle, dall’altra parte del Paese) e due delle maggiori città: la capitale politica e quella finanziaria.

Amazon ha aperto la gara per il cosiddetto “HQ2” alla fine del 2017, invitando le città a proporsi. Una prima selezione aveva scremato le candidature a 20 centri. Le ricadute sulla prescelta (anzi, a questo punto, sulle prescelte) sarebbero notevoli: il gruppo ha promesso di investire 5 miliardi di dollari e di portare nei nuovi uffici 50.000 dipendenti. Il 4 novembre il Washington Post (quotidiano di proprietà di Jeff Bezos, il fondatore di Amazon) aveva indicato Crystal City tra le papabili, grazie alla vicinanza con Washington, la disponibilità immediata di uffici e la prossimità con l’aeroporto Ronald Reagan.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml