Anche l’amministratore delegato di Atlantia Giovanni Castellucci è presente alla commemorazione ufficiale delle 43 vittime del Polcevera che inizierà alle 10 nel cantiere del nuovo ponte Morandi alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Quella di Castellucci è una presenza che farà sicuramente discutere visto che il manager è uno dei 74 indagati dell’inchiesta per omicidio colposo della procura di Genova. Solo da pochi mesi non è più ad di Autostrade per l’Italia ma ricopre lo stesso ruolo nella società madre, Atlantia appunto sempre della famiglia Benetton.
A richiedere espressamente la presenza  a Genova dei vertici di Autostrade e del gruppo Benetton è stato il sindaco di Genova nonchè commissarrio straordinario Marco Bucci.
Ieri si era saputo che Aspi, Atlantia e anche Edizione la holding del gruppo Benetton avrebbero inviato tre delegazioni di manager alla commemorazione ma non si pensava che potesse partecipare Castellucci. Al suo fianco c’è anche Fabio Cerchiai che dal 2010 è presidente sia di Autostrade per l’Italia che di Atlantia.
Dall’alba, nei caselli del principali snodi italiani – e in tutti quelli della Liguria – è stata affissa una coccarda nera in segno di lutto. Inoltre, alle 11.36, ora del crollo, su tutti i pannelli a messaggio variabile della rete Aspi comparirà per un minuto un messaggio di ricordo per le vittime.
Infine, in mattinata, presso la chiesa dell’Autostrada del Sole, luogo di culto realizzato proprio accanto al tracciato autostradale, verrà celebrata una messa alla quale parteciperanno rappresentanti dei lavoratori provenienti da tutte le sedi del territorio e tutti i direttori di tronco. Alle 11.36 in chiesa verrà deposta una corona in ricordo delle vittime.
Intanto oggi un comitato di famigliari delle vittime è tornato a chiedere la revoca della concessione ad Aspi.

Nel giorno della commemorazione delle 43 vittime del crollo del Ponte Morandi, “che tanti lutti, tante sofferenze e tante difficoltà ha creato alla operosa città di Genova e ai suoi abitanti”, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scritto un breve saluto sulle pagine del Secolo XIX, accogliendo l’invito del direttore Luca Ubaldeschi e del senatore a vita e architetto genovese Renzo Piano.    “Ci separa da quel tragico avvenimento un anno che non è trascorso invano”, scrive Mattarella. “Un progetto di nuovo ponte, lineare, solido e bellissimo, è pronto e già sono stati avviati lavori per la sua costruzione. Il nuovo ponte sarà in grado di ricucire, anzi, per usare un termine caro a Piano, di ‘rammendare’ la ferita inferta dal crollo, riconnettendo una città spezzata, non solo materialmente, in due”. Rammendare, però, specifica il Presidente, “non significa cancellare”. Il nuovo ponte, infatti, “ricorderà per sempre quelle vittime innocenti, sepolte dalle macerie di una tragedia, causata dall’uomo, che si poteva e doveva evitare. Nulla può estinguere il dolore di chi ha perso un familiare o un amico a causa dell’incuria, dell’omesso controllo, della colpevole superficialità, della brama di profitto”. Nei difficili frangenti di un anno fa “fu ben chiaro che la tragedia di Genova era la tragedia dell’Italia intera e che tutta l’Italia si stringeva, in un abbraccio ideale, attorno a Genova e ai genovesi”, ricorda Mattarella.

Per lui, tornare a Genova, il 14 agosto di quest’anno, vuol dire innanzitutto: “fare memoria, dolorosa e composta, delle quarantatré persone che rimasero uccise” per ribadire “la vicinanza e la solidarietà della Repubblica italiana alle loro famiglie”. Ognuna di esse “aveva una sua storia, una sua provenienza geografica, un universo di relazioni e di affetti, un volto, un nome. Nel loro nome dobbiamo pretendere che la giustizia vada fino in fondo, senza remore, svelando responsabilità e sanzionando colpevoli”. La presenza, oggi, delle più alte istituzioni a Genova, conclude Mattarella, “ha il significato di testimoniare unanime sostegno, non solo a parole, a una città e alla tenacia e al coraggio dei suoi abitanti, che hanno diritto alla rinascita economica e sociale attraverso lo sviluppo di una rete di infrastrutture e servizi capace di accompagnarne ed esaltarne lo spirito imprenditoriale”


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop