È sospettato di aver pianificato un attentato con l’uso di armi chimiche o veleni, probabilmente in Italia, l’uomo, un palestinese, arrestato dalla polizia stamattina in un blitz a Macomer, nel Nuorese. L’uomo era pedinato e monitorato da tempo nell’ambito di un’indagine delle digos di Nuoro e Cagliari direzione centrala polizia antiterrorismo, coordinate dalla Dda cagliaritana. Gli uomini dei Nocs hanno atteso che il presunto terrorista uscisse di casa: quando è salito a bordo di un furgone, i poliziotti lo hanno bloccato e arrestato prima che riuscisse a partire.

Prima di dare via all’operazione, alla quale hanno partecipato anche unità cinofile e gli uomini delle Digos di Nuoro e Cagliari, la Polizia ha bloccato l’intera zona per evitare che qualcuno potesse rimanere coinvolto nel blitz e che il presunto terrorista potesse fuggire. I dettagli dell’operazione saranno resi noti alle 15 alla procura nazionale antimafia e antiterrorismo a Roma alla presenza del procuratore nazionale Federico Cafiero de Raho e del capo dell’Antiterrorismo della Polizia Lamberto Giannini

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml