BERGAMO – “Dobbiamo ripartire sfruttando la scia della vittoria con l’Inter prima della pausa”. Gian Piero Gasperini, tecnico dell’Atalanta, si dimostra fiducioso alla vigilia del match in trasferta contro l’Empoli e confida di continuare la striscia positiva che ora conta 4 vittorie consecutive. La sua Atalanta attualmente è all’ottavo posto a quota 18 con l’Europa League a un passo e una serie positiva da allungare alla cinquina di successi.

“NOI SEMPRE BENE IN TRASFERTA” – “In trasferta abbiamo sempre giocato bene – spiega l’allenatore dell’Atalanta -, sono partite che affrontiamo con personalità ma che nascondono incognite. Vincendo con l’Udinese, l’Empoli si è riagganciato al treno della salvezza. Le trasferte sono sempre insidiose, ma arriviamo con la spinta della vittoria sull’Inter e vorremmo continuare su questa strada”. “L’Empoli ha sempre fatto delle ottime prestazioni e ha avuto un calendario difficile – continua il Gasp -. Queste sono tutte partite equilibrate. Domani principalmente dovremo essere molto attenti, la speranza è quella di riuscire allungare la nostra striscia positiva”.

“DOPO OGNI PAUSA C’E’ DA RESETTARE IL LAVORO” – Circa la formazione, bocca cucita, ma anche la ritrovata disponibilità di Masiello (infortunatosi con la Sampdoria al retto femorale destro il 7 ottobre) e Palomino (polpaccio destro) in difesa, coi due suscettibili di un immediato impiego da titolari al Castellani. “Sono fuori soltanto Barrow (pallonate all’occhio) e Tumminello, che non ha ancora il braccio a posto dopo la lussazione al gomito – spiega Gasperini -. L’unica incertezza del dopo sosta è che non tutti sono alla pari con gli allenamenti, perché ritornano a scaglioni in giorni diversi. C’è chi come de Roon e Freuler ha fatto due partite, altri come Ilicic una perché nella prima era squalificato, altri ancora nessuna. A ogni ritorno a Zingonia c’è da resettare il lavoro”. de Roon e Freuler, stakanovisti della mediana, saranno al loro posto; in porta, probabile rientro di Gollini dopo tre partite di fila con Berisha, mentre dietro Mancini è pronto a coprire le spalle ai due ex acciaccati con Toloi fisso sul centrodestra: “Lui è stato via fino a martedì anche se in Nazionale A non ha giocato e originariamente era stato chiamato nell’Under 21”.

“ATTENTI E FIDUCIOSI” – Se Mancini è da tenere stretto come jolly, visti i tre gol di fila a Parma, Bologna e Inter, a destra Castagne non insidia Hateboer, mentre Gosens a sinistra non ha rivali nonostante Adnan scalpiti per una maglia e Reca sia guarito dai fastidi al retto addominale. Davanti, soluzione obbligata dopo la rivoluzione tattica sul campo del Chievo, ovvero Gomez (diffidato come de Roon, e lunedì 3 dicembre a Bergamo c’è il Napoli: Rigoni e Pessina scalpitano) dietro Ilicic e Zapata, l’unica prima punta arruolabile. “La sfida di Empoli dovrà tenerci sul chi vive, l’altra squadra ha pagato un calendario difficile all’inizio ma vorrà riscattarsi – chiosa il tecnico -. Dovremo essere molto attenti, ma anche fiduciosi di poter continuare la nostra striscia”.

23 NERAZZURRI CONVOCATI –  Sono 23 i nerazzurri convocati dal tecnico Gian Piero Gasperini per Empoli-Atalanta, in programma allo stadio Castellani domenica alle 15. Si tratta di Ali Adnan, Berisha, Bettella, Castagne, de Roon, Djimsiti, Freuler, Gollini, Gomez, Gosens, Hateboer, Ilicic, Mancini, Masiello, Palomino, Pasalic, Pessina, Reca, Rigoni, Rossi, Toloi, Valzania, Zapata.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml