BOLOGNA – Ferrara è della Lega. Per la prima volta la destra conquista la città estense: il candidato sindaco Alan Fabbri vince contro lo sfidante Pd Aldo Modonesi e sale in municipio. E’ un risultato che fa rumore, nell’Emilia travolta dall’onda verde. Anche Forlì svolta a destra. I Democratici si consolano con la tenuta di Reggio Emilia e Cesena. Numericamente sarebbe un 2-2, politicamente no: la sinistra perde infatti due capoluoghi di provincia rispetto alle scorse elezioni. Un altro segnale, dopo quello offerto dalle elezioni europee, in vista delle prossime regionali. Il vicepremier e segretario della Lega Matteo Salvini esulta: “Straordinarie vittorie della Lega ai ballottaggi, abbiamo eletto sindaci dove governava la sinistra da settant’anni”.

• FABBRI SI PRENDE FERRARA
Per la prima volta nel dopoguerra il centrosinistra perde Ferrara. Alan Fabbri è arrivato al ballottaggio con un larghissimo vantaggio, dopo essersi fermato a pochi passi dalla vittoria al primo turno. Si è messo in tasca il 56% dei voti. Quarantenne, luogotenente di Salvini in Emilia-Romagna, Fabbri è stato per dieci anni sindaco di Bondeno, nel Ferrarese, per poi essere candidato, cinque anni fa, alla presidenza della Regione dove fu sconfitto da Stefano Bonaccini.

• I CAPOLUOGHI
Oltre a Ferrara, anche a Forlì è avanti il leghista Gian Luca Zattini, che sfidava la lista civica sostenuta dal Pd guidata da Giorgio Calderoni. A Reggio Emilia il sindaco uscente Luca Vecchi, Pd, si riconferma primo cittadino. Una consolazione per il Pd arriva anche a Cesena: il centrosinistra, con Enzo Lattuca, ha battuto lo sfidante Andrea Rossi.

• I DATI IN TUTTI I COMUNI AL BALLOTTAGGIO
Dario Mantovani si riconferma sindaco a Molinella, nel Bolognese, conquistando quasi 60% dei voti. A Modena i ballottaggi finiscono 3-1 per il Pd, che vince a Carpi, Castelfranco Emilia e Maranello, mentre la Lega conquista Mirandola. In provincia di Forlì-Cesena, Savignano sul Rubicone è della sinistra.  Una lista civica scalza il Pd per una manciata di voti a Casalgrande. Nel Ferrarese la Lega s’impone a Copparo, ad Argenta è testa a testa tra Pd e Carroccio.

• CROLLA L’AFFLUENZA
 È stata del 55,2%, in calo di ben 14,2 punti rispetto al primo turno di due settimane fa, l’affluenza ai ballottaggi nei tredici Comuni emiliano-romagnoli chiamati al voto per eleggere il sindaco. Reggio Emilia è stata la città dove si è votato meno, appena il 49,1%, in calo di oltre 18,3 punti rispetto al primo turno. Più alta l’affluenza a Ferrara (61,9%), dove comunque c’è stato un calo del 9,6%. A Forlì ha votato il 57% (-11,4%), a Cesena il 55,9% (-14,2).


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop