VENEZIA. Un uomo è morto nella Laguna di Venezia, a causa di un violento scontro del barchino che pilotava contro una “briccola”, uno dei pali di rovere immersi e conficcati nel fondale che segnano i canali delle acque lagunari. L’incidente si è verificato nella zona di San Marco in Boccalama, isola sommersa situata nella parte centro-meridionale della Laguna.

Le briccole servono a segnalare alle barche il limite delle acque profonde navigabili senza rischi, per evitare che rimangano incagliate in zone di acque basse. Gli incidenti di questo tipo non sono frequenti ma nemmeno inediti, purtroppo. Lo scorso settembre l’urto di un gommone con una briccola a Grado aveva provocato la morte di un albergatore, caduto in acqua e finito sotto le eliche. E in Laguna di Venezia, al Lido nei pressi dell’attracco dei vaporetti, ad agosto 2017 un 52enne veneziano, Vincenzo Iannaccio, era morto dopo essere finito in acqua per avere urtato una briccola.




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml