Una bambina di due mesi è morta nei giorni scorsi nell’ospedale di Catanzaro dove essere stata ricoverata con ecchimosi in varie parti del corpo. La procura ha aperto un’inchiesta. La piccola, secondo quanto riferito dalla Gazzetta del Sud, era stata portata all’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia nella notte tra venerdì e sabato. I medici del pronto soccorso e il pediatra reperibile hanno immediatamente constatato la gravità della situazione ordinandone il trasferimento all’ospedale Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, dove gli sforzi per salvarla si sono rivelati vani.

Le indagini sono condotte dalla squadra mobile di Catanzaro. I genitori della bambina sono di San Pietro di Caridà, un centro della provincia di Reggio Calabria al confine con quella di Vibo Valentia. Ai medici hanno dichiarato che la bambina si lamentava e piangeva, e che per questo hanno deciso di portarla in ospedale. La loro versione è al vaglio degli investigatori.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml