Black Friday, la shopping-mania a Milano e in Lombardia è sempre più online


Il vademecum dell’e-commerce della Camera di Commercio e i consigli anti-truffe dell’Unione Nazionale Consumatori

I grandi acquisti del Black Friday, quest’anno come non mai, a Milano e in Lombardia avvengono anche on line: in questo contesto arriva la Guida all’e-commerce nella moda, vademecum elaborato e redatto da Netcomm (il Consorzio del commercio digitale italiano) e dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, con la collaborazione di Federazione Moda Italia.
La guida (dispinibile gratuitamente sul sito www.milomb.camcom.it) è rivolta agli operatori di settore per poter gestire al meglio i rapporti con  i clienti, nel rispetto dei loro diritti
In Lombardia le imprese  attive nel commercio elettronico sono circa 4000, 622 delle quali nel settore dell’abbigliamento, pari al 15%. A Milano hanno sede 274 aziende operanti nel commercio elettronico di abbigliamento (44% delle imprese lombarde), 54 a Monza Brianza (9%), 10 a Lodi (1,5%). In Regione dopo Milano il numero maggiore di imprese è a Brescia (79), Varese (47) e Bergamo (44).
Oltre ad acquirenti e venditori, c’è una terza categoria che attende impaziente le offerte: gli hacker ed i truffatori online. Fare acquisti online offre senza dubbio grandi vantaggi: niente fila, ampia gamma di prodotti, una disponibilità h24, nessuna ressa in negozio. Tuttavia beneficio non è sinonimo di assenza di rischio. Per questo il sito dell’Unione Nazionale Consumatori (www.consumatori.it) pubblica una guida sull’e-commerce.
Ecco alcuni semplici consigli forniti da Codici per cercare di evitare di finire in trappola. Per iniziare, occhio alle offerte speciali “troppo speciali”. Scegliere negozi molto affidabili, possibilmente con una lunga serie di recensioni, e diffidare dagli eShop con pochi feedback. Utilizzare pagamenti in grado di garantire il rimborso. Scaricare un buon antivirus aggiornato, possibilmente con supporto anti-phishing, in grado di riconoscere preventivamente i siti di natura dubbia ed evitare di finire all’interno di eShop civetta. Per concludere, verificare le condizioni di vendita e di recesso, che siano in linea con la normativa nazionale

23 novembre 2018 – Aggiornato alle







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml