Un quadro di grandi dimensioni con un ritratto di Benito Mussolini. E due bigliettini attaccati sul vetro. “E’ l’ora che torni!”, “Numero uno”. In tanti, passando tra i banchi del mercatino delle pulci nel centro di Buccinasco, paese alle porte di Milano, hanno notato quel quadro e, soprattutto, i messaggi. Tra questi anche il sindaco, Rino Pruiti (Pd). Che, sollecitato anche dai cittadini che avevano pubblicato l’immagine sui social, ha chiesto agli organizzatori del mercato di intervenire: l’ambulante è stato sospeso per due mesi, con l’avviso che alla prossima manifestazione simile sarà espulso definitivamente.

La storia risale a domenica scorsa. Ogni seconda domenica del mese nella piazza centrale di Buccinasco si tengono un mercatino delle pulci e un mercato contadino a chilometro zero. “Diamo loro lo spazio gratuitamente – spiega Pruiti – ma ovviamente rispettando delle regole”. Anche il sindaco ha un gazebo nel mercato, per incontrare i cittadini e ascoltare le loro richieste. “Passando davanti a quel banco ho visto il quadro con i due messaggi e i vasi con i fiori e sono rimasto basito”. Reazione uguale quella di un passante, Yuri Pertichini, che ha fotografato il quadro e cercato i vigili. Dalla protesta social si è passati ai provvedimenti reali. Come racconta ‘Il giornale dei Navigli’ l’ambulante è stato sospeso per due mesi dagli organizzatori del mercato. Commenta il sindaco: “Non tolleriamo alcuna forma di apologia del fascismo, e quei messaggi erano inequivocabili”.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml