ROMA –  Non accenna a placarsi la polemica attorno alle parole del difensore della Juventus, Leonardo Bonucci, in relazione ai ‘buu’ razzisti ai danni del compagno di squadra Moise Kean a Cagliari, martedì sera nel corso della gara di campionato. A stigmatizzare le affermazioni del centrale bianconero è Lilian Thuram, ex difensore di Parma e Juve dal 2001 al 2006, intervistato da ‘Le Parisien’. “Bonucci dice qualcosa che in molti pensano: i neri si meritano ciò che capita loro – afferma Thuram dalle colonne del quotidiano francese -. La domanda giusta da fare a Bonucci invece sarebbe: ‘cosa ha fatto Kean per meritarsi tanto disprezzo?’ Bonucci non dice mai ai tifosi che hanno torto, ma a Kean che se l’è cercata. La reazione di Bonucci è violenta come quei buu. È come quando una donna viene stuprata e c’è chi parla del modo in cui era vestita. È a causa di gente così che non si fanno avanzare le cose. Bonucci non è stupido, ma ha una certa idea della società e i suoi propositi sono solo vergognosi. Bisogna essere chiari sul razzismo. Quei ‘buu’ rappresentano il disprezzo verso tutte le persone, compresi i bambini, che hanno il colore della pelle di Kean. A Kean e alle persone nere voglio dire di essere fieri e esigere rispetto da gente come Bonucci che vorrebbero curvassero la schiena”.

in riproduzione….

Bonucci fa dietrofront: ”Condanno ogni discriminazione”

A poco sembra servire anche la precisazione fornita mercoledì dal numero 19 bianconero, che era tornato sull’argomento chiarendo il suo pensiero. “Ho parlato alla fine della partita e mi sono espresso in modo evidentemente troppo sbrigativo – il tentativo di dietrofront di Bonucci – che è stato male interpretato su un argomento per il quale non basterebbero ore e per il quale si lotta da anni. Condanno ogni forma di razzismo e discriminazione”. A innescare la polemica era stata una frase del difensore della Nazionle al termine dell’incontro: “C’è stato il buu razzista dopo l’esultanza di Kean e Matuidi si è arrabbiato, ma credo che la colpa sia 50 e 50. Kean ha sbagliato e la curva ha sbagliato. Detto questo, sappiamo che noi dobbiamo essere d’esempio e guardare avanti, perché dobbiamo crescere tutti quanti, noi giocatori, come sistema calcio, anche in queste cose”.

Thuram: “Fermare le gare? Solo ipocrisia nel calcio”

Thuram allora se la prende anche con istituzioni e con la Juve. “Ogni volta tutti dicono che la prossima volta la partita sarà sospesa, ma non succede mai. Constato che le istanze del calcio se ne fregano. C’è solo ipocrisia e va avanti da anni. Se fosse davvero stato un problema, la gara sarebbe stata fermata  – sottolinea l’ex calciatore francese – La squadra avrebbe dovuto lasciare il campo e una soluzione si sarebbe trovata. I giocatori che non subiscono razzismo devono essere totalmente solidali con i loro compagni presi di mira. Bisogna capire che quando un giocatore subisce tale violenza, quest’ultima si ripercuote su milioni di persone. Bisogna chiarire che non si può andare avanti così, che la partita non la si gioca. Ma il calcio è un business, dunque nulla sarà fatto dalle istituzioni che non hanno mai colto l’occasione per intervenire”. L’ex difensore riconosce che si tratta di un problema non solo del calcio italiano, ma molto più ampio. “Il razzismo non è limitato agli stadi o all’Italia. Sterling ha avuto lo stesso problema altrove”, il riferimento ai cori razzisti contro l’attaccante inglese in Montenegro.

Papà Kean: ”Bonucci ha detto una stupidaggine”

Critiche a Bonucci per quanto avvenuto a Cagliari arrivano anche da Biorou Jean Kean, padre di Moise. “In Africa quando allarghi le braccia vuol dire ‘che cosa ho fatto?’. E’ quello che ha fatto lui. Non voleva provocare, è un ragazzo educato, gli piace ballare e scherzare con la gente – ha dichiarato  ai microfoni di ‘Circo Massimo’ su Radio Capital – A volte nel calcio c’è razzismo. Con Balotelli hanno fatto la stessa cosa, e oggi lui è animato da uno spirito di rabbia ovunque vada. Questo non è un buon segno, così si può influenzare negativamente la carriera di un calciatore. Questo atteggiamento di razzismo nasce quando un giocatore di colore va in nazionale. Prima non lo facevano”. Ma vedere Moise in azzurro, dice il papà, “è stata una gioia. Era il suo sogno. Ora in famiglia aspettiamo il Pallone d’Oro”. Bonucci, dopo la partita, ha diviso le responsabilità fra il giocatore e la curva: “Ha sbagliato, ha detto una stupidaggine – attacca Jean Kean – Quello che è successo non mi è piaciuto per niente. A Moise ho detto di stare tranquillo, anche questo fa parte del percorso di un campione”. Il padre dello juventino, però, è indulgente con i tifosi sardi: “Secondo me lo stadio del Cagliari non va chiuso. Dico di perdonarli”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml