CAGLIARI – Non poteva che terminare con uno 0-0 il posticipo della tredicesima giornata tra Cagliari e Torino. Una partita molto tattica e agonistica e, per questo motivo, noiosa e priva di emozioni. Tant’è che per vedere il primo tiro nello specchio della porta si deve attendere più di un’ora di gioco. Nella parte finale meglio il Torino ma Cragno chiude la saracinesca.

PARTITA BLOCCATA – Maran, senza l’infortunato Castro che mercoledì verrà operato, si affida al 4-3-1-2 con Ionita dietro le punte, Joao Pedro e Pavoletti. A centrocampo Barella, Cigarini e Dessena. Srna e Lykogiannis esterni con Romagna e Ceppitelli al centro della difesa. Il Torino, guidato in panchina da Frustalupi per i noti problemi di Mazzarri, si schiera con un 3-5-2 con Iago e Belotti in attacco. De Silvestri e Ansaldi esterni con Baselli, Meitè e Soriano in mezzo al campo. Difesa a tre composta da Izzo, N’Koulou e Djidji. Il primo tempo vive di tattica, con le difese che vincono ogni duello non concedendo nulla all’avversario. Si lotta anche in mezzo al campo e le interruzioni per acciacchi vari sono numerose non favorendo così lo spettacolo.

DUE CHANCE NEL FINALE – A complicare le cose arriva la pioggia oltre a forte vento che modifica la velocità del pallone. Sono ben quattro i minuti di recupero concessi da Pasqua e proprio in questo lasso di tempo arrivano i primi due tentativi di fare gol. Ci prova per primo il Torino con un destro di Meitè e palla però alta. Sul fronte opposto, tiro-cross casuale di Barella con deviazione di Djidji e sfera che accarezza la parte alta della traversa.

CRAGNO DIVENTA PROTAGONISTA, INFORTUNIO A PAVOLETTI – La prima parte della ripresa non regala sorprese, nel senso che la partita prosegue a essere tattica e noiosa. Il primo squillo arriva al 17′ quando Ansaldi crossa e Belotti sul secondo palo riesce e colpire ma trova pronto Cragno. Maran intanto perde Pavoletti che ad una prima analisi sembrerebbe piuttosto serio al flessore: entra Cerri. Frustalupi invece decide di far entrare prima Zaza (out Soriano) e poi Parigini (fuori Ansaldi) per provare a vincerla. Al 26′ bello schema granata su angolo e tiro finale dal limite di Iago Falque che Cragno blocca. Il portiere sardo è ancora decisivo al 36′: Parigini serve Belotti in area che liscia, sfera per Zaza che conclude col sinistro e Cragno c’è. Al 45′ ancora una respinta dell’estremo difensore rossoblù, stavolta su un tiro potente da fuori di Belotti dopo una bella giocata di Lukic. Chance sarda nel recupero quando Dessena ci prova dal limite ma il pallone termina sul fondo di nulla. Alla fine è 0-0 e non potrebbe esistere risultato più giusto dopo una partita del genere.

Cagliari-Torino 0-0
Cagliari (4-3-2-1): Cragno, Srna, Ceppitelli, Romagna, Lykogiannis; Dessena, Cigarini (39′ st Bradaric), Barella; Ionita, Joao Pedro (34′ st Sau); Pavoletti (17′ st Cerri). In panchina: Rafael, Aresti, Pajac, Andreolli, Klavan, Farias, Pisacane. Allenatore: Maran
Torino (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Djidji; De Silvestri, Meitè, Baselli (30′ st Lukic), Soriano (24′ st Zaza), Ansaldi (28′ st Parigini); Iago Falque, Belotti. In panchina: Ichazo, Rosati, Lyanco, Damascan, Edera, Berenguer, Moretti, Bremer. Allenatore: Frustalupi
Arbitro: Pasqua di Tivoli
Ammoniti: Joao Pedro, Ceppitelli
Angoli: 3-4
Recupero: 4′ pt, 5′ st.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml