ROMA – Botti vietati a Roma, dove la sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza che vieta l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici in occasione dei festeggiamenti di fine anno. Il provvedimento prevede il divieto assoluto di usare materiale esplodente come fuochi artificiali, razzi e giochi pirotecnici: è entrato in vigore dalle 00.01 di oggi e prosegue fino alle 24 di domani, primo giorno del 2019, su tutto il territorio di Roma Capitale. Sono escluse dal divieto bengala, fontane, bacchette scintillanti, trottole e girandole luminose. “Nostro dovere è tutelare l’incolumità dei cittadini e la loro sicurezza, in particolare durante i numerosi eventi organizzati in città in occasione dell’ultima notte dell’anno. I botti e le esplosioni, com’è noto, rischiano di provocare incidenti soprattutto nei luoghi affollati e in presenza di minorenni. Per non parlare degli effetti negativi sugli animali”, ha detto Raggi.

Proseguono intanto sul territorio nazionale le operazioni delle forze dell’ordine di controllo e sequestro di fuochi d’artificio clandestini. A Torino la guardia di finanza ha trovato, accatastati in maniera approssimativa, occultati nel retro dei locali o nascosti all’interno delle toilette, circa 70 mila artifici pirotecnici che sono stati sequestrati. Due imprenditori di origine cinese sono stati denunciati, rischiano fino a un anno di carcere. L’operazione è il seguito del maxisequestro effettuato nei giorni scorsi dalle fiamme gialle in alcuni depositi clandestini. I “botti” nei prossimi giorni verranno fatti brillare dagli artificieri. A Catania i finanzieri hanno sequestrato in una casa privata di Misterbianco oltre 250 kg di prodotti pirotecnici detenuti illegalmente.

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml