ALTRO che San Valentino. In occasione della festa degli innamorati il Wwf ricorda una delle specie di animali a rischio, il cavalluccio marino, utilizzato nella medicina tradizionale cinese come afrodisiaco, senza alcuna evidenza scientifica, nonostante sia protetta dalla Convention on International Trade in Endangered Species (Cites).

In quanto a vita di coppia il cavalluccio marino ne sa parecchio: tra di loro si corteggiano, si coccolano, arrossiscono e fanno la pace. Ma San Valentino è un giorno poco romantico, visto che in Cina gli esemplari essiccati e imbustati si possono acquistare in negozi che li vendono in barattoli come fossero caramelle. Insolite ‘pillole blu’ che arrivano dal mare, i cavallucci marini vengono catturati e venduti nei mercatini delle periferie di Hong Kong come rimedio all’impotenza. La specie più gettonata è Hippocampus capensis, endemica del sud Africa: si stima che la medicina cinese ne impieghi ogni anno oltre 35 milioni, che se non diventano ‘pillole’ finiscono negli acquari o diventano souvenir.

Cavallucci marini venduti in Cina come afrodisiaci. "Specie a rischio, già calata del 20-30%"

Per l’Unione mondiale per la conservazione della natura (Iucn), il 15% dei Syngnathidae (famiglia che comprende cavallucci marini, pesce ago e pesce trombetta) è una specie “quasi minacciata” e, negli ultimi decenni, la popolazione di due specie (Hippocampus guttulatus e Hippocampus hippocampus) è già calata del 20-30%.

“Questi numeri sono assurdi e dimostrano come siano necessarie adeguate e tempestive misure di conservazione – afferma il direttore del programma di conservazione del Wwf Italia, Isabella Pratesi – Il Wwf lavora da tempo per la salvaguardia di questi animali sia attraverso il Programma Traffic, che tristemente deve occuparsi anche di questi straordinari organismi massacrati dal commercio illegale, sia proteggendo gli habitat marini, che oggi sono sempre più a rischio a causa dei cambiamenti climatici e del terribile inquinamento da plastiche che sta invadendo i nostri mari”.




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/ambiente/rss2.0.xml