La norma inserita nel decreto crescita sposta una parte del debito capitolino dalla gestione commissariale al Tesoro. Ma per il contribuenti il conto finale sarà invariato, visto che già oggi versano 300 milioni per ripianare il pregresso


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml