VERONA – Con un gol per tempo il Sassuolo passa a Verona e scala ulteriori posizioni in classifica portandosi in zona Europa League a soli 3 punti dal 4° posto. Un successo ottenuto con il minimo sforzo dalla squadra di De Zerbi contro un Chievo in crisi sempre più profonda, giunto alla 7/a sconfitta di fila. Al di là del risultato, quello che davvero deve far preoccupare Ventura è l’incapacità dei suoi di rendersi pericolosi. Basta un dato su tutti per spiegare il concetto: i gialloblu sono riusciti a far arrivare un solo pallone in 90′ dalle parti di Consigli: è successo in pieno recupero con un tiro-cross di Giaccherini. Così è davvero difficile far punti.

VENTURA RILANCIA BIRSA, DE ZERBI CON BOATENG CENTRAVANTI – Per dare una scossa ai suoi Ventura ha deciso di passare dal 3-5-2 di Cagliari al 3-4-1-2 con Jaroszynski abbassato in difesa al posto di Cesar, Kiyine piazzato a fare l’esterno sinistro e Obi inserito in mezzo al posto dell’indisponibile Rigoni. Infine davanti ha restituito una maglia da titolare a Birsa, preferendolo a Meggiorin, non al meglio, nel ruolo di seconda punta accanto a Stepinski. De Zerbi, costretto a rinunciare agli infortunati Bourabia e Babacar, ha risposto schierando i suoi col 4-3-3 con Lirola e Rogerio esterni bassi, Sensi e il redivivo Duncan, al rientro dopo un mese e mezzo, a centrocampo e Boateng centravanti con Berardi e Di Francesco, preferito a Djuricic, ai fianchi in attacco.

Chievo-Sassuolo 0-2, Di Francesco e un autogol lanciano i neroverdi in zona Europa

Il gol di Di Francesco

DI FRANCESCO SPEZZA L’EQUILIBRIO – Per 43′ ha vinto la noia: le due squadre attente in copertura quanto imprecise in ripartenza sono state incapaci di produrre occasioni. L’unico a tentare di regalare emozioni è stato Berardi dal cui sinistro, dopo una punizione alta di 2 mt e due conclusioni senza fortuna dal limite, è partito, non a caso, l’assist smarcante in area per Di Francesco, bravo a sfruttarlo infilando nell’angolo un preciso destro in diagonale.

I CAMBI NON RAVVIVANO IL CHIEVO – Nella ripresa Ventura ha provato a cambiare qualcosa inserendo Meggiorini al posto di Kiyine con Jaroszynski rimesso a fare il terzino sinistro, Giaccherini arretrato a centrocampo e Birsa spostato a fare il trequartista. Ma il Chievo, oltre la buona volontà non è andato. Il Sassuolo ha controllato e, con l’ingresso di Magnani, piazzato a fare il libero da De Zerbi nella difesa tornata a tre, ha chiuso a doppia mandata ogni varco. Ai nerazzurri è mancata solo la capacità di chiudere prima i conti: Sensi in contropiede e poi Berardi, lanciato sciaguratamente in area da un retropassaggio errato di Jaroszynski, non hanno avuto la lucidità giusta per raddoppiare.

CHIEVO: PRIMO TIRO IN PORTA AL 92′ POI GIACCHERINI FA AUTOGOL – Il Chievo, rimasto all’88’ in 10 per l’espulsione di Tanasijevic, capace di rimediare due gialli in 4′ dopo essere entrato al 71′, ha provato a gettare il cuore oltre l’ostacolo ma l’unico brivido ai propri delusi tifosi lo ha dato Giaccherini: un suo tiro-cross di destro dalla fascia sinistra, non toccato di testa da Stepinski, ha sfiorato il palo. I gialloblu hanno alzato bandiera bianca e al 94′ si sono fatti da soli lo 0-2: Berardi da due passi ha calciato di nuovo addosso a Sorrentino colpendolo sul volto ma Giaccherini, non accorgendosi del compagno rimasto a terra, gli ha restituito il pallone di petto spedendolo, involontariamente, dentro la porta. E’ l’immagine emblematica di un Chievo a cui al momento non ne va bene una.

CHIEVO-SASSUOLO 0-2 (0-1)
Chievo (3-4-1-2): Sorrentino; Bani, Rossettini, Jaroszynski; Depaoli, Obi (25′ st Tanasijevic), Radovanovic, Kiyine (9′ st Meggiorini); Giaccherini 5; Stepinski 5.5, Birsa 5. (1 Semper, 16 Seculin, 12 Cesar, 21 Burruchaga, 11 Leris, 56 Hetemaj, 25 Grubac, 31 Pellissier). All. Ventura.
Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Marlon, Ferrari, Rogerio; Duncan (17′ st Magnani), Magnanelli, Sensi; Berardi, Boateng (24′ st Matri), Di Francesco (34′ st Locatelli) (79 Pegolo, 98 Adjapong, 17 Sernicola, 5 Lemos, 39 Dell’Orco, 13 Peluso, 8 Djuricic, 29 Trotta, 99 Brignola). All. De Zerbi.
Arbitro: Aureliano di Bologna 6.
Reti: nel pt 41′ Di Francesco; nel st 49′ Giaccherini (autorete).
Angoli: 3-2 per il Chievo.
Recupero: 1′ e 4′.
Espulso: Tanasijevic al 43′ st per doppia ammonizione.
Ammoniti: Obi, Ferrari, Kiyine, Berardi, Depaoli, Birsa, per gioco scorretto.
Spettatori: 8.100.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml