Cinquemila iscritti in mezza giornata. E’ la cifra che Vincenzo De Luca, presidente della Campania, dà in diretta, durante la presentazione del suo piano lavoro, che è di fatto operativo da ieri sera, vista la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Si tratta di un cosiddetto corso-concorso per diplomati e laureati , ovvero l’accesso a un corso di formazione, svolto dal Formez, per preparare qualcosa come diecimila nuovi assunti nei Comuni e altri Enti pubblici in Campania. Diecimila è in realtà la stima del fabbisogno di personale che la Regione ha riscontrato dagli enti stessi. La prima tranche, quella partita ieri, si limita però a circa 3000 posti.

Questo primo bando prevede la possibilità di iscriversi fino a fine all’8 agosto, poi a settembre-ottobre la prova di accesso per selezionare i vincitori, infine, a ottobre, il possibile ingresso al lavoro dei nuovi formandi, a 1000 euro al mese per dieci mesi. Finito questo periodo, il programma prevede la successiva assunzione a tempo indeterminato. Hanno già aderito 282 enti, di cui 166 Comuni.

“Un miracolo”, sostiene  De Luca, anche se l’accordo con il ministero della Funzione pubblica di Giulia Bongiorno si è limitato per ora a questi primi tremila. Non a caso De Luca lancia un appello ai gruppi parlamentari perchè venga approvata una norma che consenta in sostanza di formare una graduatoria complessiva da cui attingere anche in futuro, evitando che le successive tranche comportino l’espletamento di altri concorsi. Ogni bando infatti costa alla Regione 6 milioni, mentre il periodo di formazione è finanziato dal Fondo sociale europeo. “Abbiamo voluto iniziare comunque – dice De Luca – nonostante le criticità e il fatto che altri Comuni possono ancora aggiungersi in corsa”. D’altro canto si tratta davvero di una novità: è il primo esperimento di una Regione che vara da sola un programma di assunzioni in pubblica amministrazione. 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop