ROMA. Era un personaggio di spicco della Banda della Magliana, Ernesto Diotallevi. E aveva una quantità di beni cospicua, tra cui una casa con vista sulla Fontana di Trevi a Roma e villette in Sardegna. Ha un valore complessivo di oltre 25 milioni di euro il patrimonio confiscato dalla Guardia di finanza di Roma a Ernesto Diotallevi, personaggio vicino, fin dagli anni ’70, agli ambienti criminali dell’estrema destra, nonché elemento di spicco della  “Banda della Magliana”.

Il provvedimento emesso dalla Corte di Appello – Sezione Misure di Prevenzione riguarda quote societarie, capitale sociale e patrimonio aziendale di 8 società, operanti nel settore della compravendita di immobili, della costruzione di imbarcazioni, del commercio di energia elettrica, dei trasporti marittimi e delle holding (tra cui una società liberiana, titolare di una lussuosa villa sull’Isola di Cavallo in Corsica); veicoli; depositi bancari e polizze vita; opere d’arte e 43 unità immobiliari a Roma, Gradara (Pesaro Urbino) e Olbia (Sassari). Tra gli immobili figurano anche un’abitazione con vista sulla Fontana di Trevi – di 14 vani e del valore di mercato di circa 4 milioni di euro – e un complesso turistico composto da villette a schiera, fronte mare, ad Olbia.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml