ROMA – Era dai tempi di Berlusconi che il governo non rimetteva le mani nei fondi otto per mille dell’Irpef a gestione statale per coprire buchi o soddisfare esigenze emergenziali di vario genere. In passato – si legge su Info-Cooperazione, il blog degli operatori del settore – questa è stata una dinamica quasi consolidata che solo dopo l’intervento del ministro Riccardi (il primo ministro dela Cooperazione con il governo Monti) era stata parzialmente bloccata. Il fondo “otto per mille” è stato più volte oggetto dei bisogni della politica. Un portafoglio di emergenza da cui attingere per qualunque motivo o semplicemente per far quadrare i conti delle finanziarie. Dagli anni di Berlusconi in poi porzioni importanti di questi fondi sono stati utilizzati per le più disparate spese. Prima alla Protezione civile, poi per la flotta aerea, poi le avversità atmosferiche del 2012 e a seguire gli eventi alluvionali, atmosferici e le precipitazioni nevose verificatesi tra 2012 e 2014.

L’incremento della quota per calamità naturali. Pur senza applicare tagli, un intervento sui fondi otto per mille è stato operato l’anno scorso anche dal governo Renzi che, su iniziativa di Franceschini e Realacci, ha blindato la quota destinata ai beni culturali fino al 2026 per il recupero dei beni culturali colpiti dal sisma nel centro Italia. Oggi invece tornano i tagli lineari ai fondi destinati alle categorie “Fame nel mondo” e “Assistenza dei rifugiati”. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha deliberato, ai sensi dell’articolo 2-bis, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1998, n. 76, l’assegnazione delle risorse dell’otto per mille dell’Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) a diretta gestione statale, relative all’anno 2017, incrementando la quota relativa alla categoria calamità naturali e riducendo del 50 per cento rispettivamente quelle relative alla fame nel mondo e all’assistenza ai rifugiati, di cui all’articolo 47 della legge 20 maggio 1985, n. 222. Via quindi il 50% per i fondi destinati alla “Fame nel mondo” e all’ “Assistenza dei rifugiati” che andranno ad ingrossare il budget della categoria calamità naturali.

Tre anni fa i 5 Stelle ebbero il comportamento contrario. E pensare che solo tre anni fa i parlamentari del Movimento 5 Stelle si preoccupavano con un’interpellanza alla Camera dei Deputati di verificare che i fondi previsti dell’otto per mille venissero correttamente utilizzati per progetti di Cooperazione allo sviluppo. Oggi sembra che questa non sia una priorità e che nulla si muova per riformare lo strumento otto per mille, uno meccanismo da sempre opaco, inefficiente e mal gestito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. 14 mesi dopo la presentazione delle proposte progettuali (lo scorso settembre 2017) non è noto sapere quando lo schema di ripartizione dei fondi 2017 sarà licenziato dalle commissioni parlamentari e pubblicato dalla PcM.

 

 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml