Nel giorno in cui anche al Cara di Mineo iniziano i trasferimenti dei migranti verso altri centri in vista della chiusura del più grande centro per richiedenti asilo d’Europa, il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, Dunja Mijatovic, scrive una lettera al premier Conte, dicendosi “preoccupata” per le possibili “ripercussioni del decreto sicurezza sul diritto di accesso all’accoglienza e ai servizi essenziali, come salute e educazione, per i residenti che hanno un permesso di soggiorno per motivi umanitari e dalle sconcertanti informazioni che indicano che un certo numero di loro sarebbero a rischio di restare senza un alloggio”.

A differenza di quanto successo nelle scorse settimane per la chiusura del Cara di Castelnuovo di Porto dove nel giro di pochi giorni sono stati messi in strada migranti regolari con permesso di protezione umanitaria e trasferite fuori dal Lazio anche famiglie con bambini che frequentavano la scuola di Castelnuovo, per Mineo il prefetto di Catania ha disposto con largo anticipo un piano di trasferimenti in strutture vicine lasciando per ultime le famiglie in modo da consentire ai bambini che frequentano l’anno scolastico a Mineo di poter tranquillamente concludere l’anno. Oggi i primi trasferimenti riguardano 50 migranti, tutti uomini: 25 destinati a Trapani, 15 a Siracusa e 10 a Ragusa. Fuori dal Cara nessuna protesta.

Chiede invece un incontro al ministro Salvini il sindaco di Mineo, Giuseppe Mistretta: “Io sono sempre stato contrario al Cara, sono d’accordo per la sua chiusura, ma lo Stato non può lasciare qui le macerie che ha creato. Noi siamo martiri e mi meraviglio che adesso si intesti la battaglia per la chiusura del Cara chi è stato il carnefice del territorio – Chiedo al ministro Salvini di incontrarmi per tutelare il territorio sia economicamente sia sul fronte della sicurezza. Non vogliamo soldi, ma è dal 2014 che chiediamo l’istituzione della Zona Franca per la fiscalità di vantaggio per il territorio”.

 




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml