ROMA – L’Italia è agli ultimi posti in Europa nello sviluppo del digitale. L’allarme è stato lanciato questa mattina a Roma nello spazio Hdrà in occasione della presentazione del Rapporto globale sul Digitale 2018, realizzato dal Centro Economia Digitale. I dati emersi sono sconfortanti: in un contesto in cui l’Europa è tagliata fuori dalla classifica delle prime 20 aziende internet per capitalizzazione, tutte statunitensi o cinesi, tra i 28 Paesi che compongono il vecchio continente l’Italia è al 25esimo posto nel punteggio Desi 2018, l’indicatore della Commissione Europea che misura il livello di attuazione dell’Agenda Digitale di tutti gli Stati membri. Non solo: per la connettività siamo al 26esimo posto, per il capitale umano e le competenze digitali al 25esimo, per l’uso di Internet da parte dei cittadini addirittura al 27esimo, per l’integrazione digitale nelle aziende al 20esimo e per la digitalizzazione dei servizi pubblici al 19esimo.

“Il problema – ha spiegato il presidente del Centro economia digitale, Rosario Cerra – è la governance di questo processo. Il digitale non è un tema tecnologico, di business o di comunicazione, e non è un punto in un’agenda politica, ma un’agenda politica a se stante. E’ un errore parlare del digitale mettendolo al pari di altre sfide, come la complessità burocratica dello Stato, la lentezza del sistema giudiziario e la diseguaglianza economica. Perchè risolvendo la sfida del digitale riusciremmo a semplificare tutte le altre sfide. Secondo noi non ha senso dare vita oggi a un Ministero del Digitale, perchè il tema deve essere promosso direttamente dalla Presidenza del Consiglio”. E ha osservato: “Siamo favorevoli invece a un impegno diretto e visibile dei grandi player nazionali che stanno già investendo moltissimo nel digitale, e soprattutto auspichiamo l’apertura di una nuova e vera fase della politica industriale per l’Italia attraverso un tavolo aperto fuori dai ritualismi. Il tempo per pensare al digitale è finito: il futuro appartiene a chi decide oggi”.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml