“Chi ha permesso questo deve pagare, perché non ha nulla di umano. Non c’è rispetto della dignità”.

Così in un post il ministro della Salute Giulia Grillo che commenta: “In questi giorni sono anch’io in un letto d’ospedale, e continuo a pensare alla scena di Napoli. Più penso a quello che è successo e più non me ne capacito”. Per il ministro “la responsabilità va cercata più in alto, non tra chi quotidianamente fatica in corsia a stretto contatto con i pazienti”.

La ministra allude al medico eagli infermieri sospesi il giorno dopo la diffusione del video.

Al momento sul caso ci sono due indagini: una dei Nas ( anche oggi in ospedale per il terzo giorno) e una dell’azienda sanitaria.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml