NUORO. Due cani sono stati trovati impiccati con una corda di nylon alla rete di recinzione in un terreno nelle campagne di Budoni, sulla costa del Nuorese. Erano due meticci, molto simili al pastore tedesco. A fare la raccapricciante scoperta è stato il proprietario dell’appezzamento: quando si è recato sul posto per accudire i suoi animali li ha trovati morti.

I carabinieri della stazione di Budoni, intervenuti subito dopo la chiamata dell’uomo, hanno già individuato i responsabili: si tratta di un 31enne e di un 35enne, entrambi residenti in una frazione vicina. Per loro è scattata una denuncia. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i due si sarebbero vendicati sui meticci perchè avrebbero azzannato un agnello di loro proprietà. Sul posto sono intervenuti anche i veterinari della Asl di Olbia che hanno constatato la morte per asfissia dei due cani.

“Si tratta di un gesto ignobile – dice la deputata di Forza Italia, Michela Brambilla – la Commissione giustizia della Camera esamini e approvi al più presto la mia proposta di leggemi, mi sto battendo per inasprire le pene per chi maltratta e uccide gli animali. L’indignazione deve spingerci a fatti concreti. Gli animali vanno tutelati come esseri senzienti e chi li maltratta e uccide con crudeltà e senza necessità dev’essere severamente punito, deve andare effettivamente in carcere e restarci per tutto il tempo necessario”.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop