ROMA – L’appuntamento con “Pe’ Strada” nella giornata di ieri –  sabato 27 e di oggi, domenica 28 a Piazza del Popolo – è servito per allestire un piccolo “villaggio Emergency” con un palco sul quale si sono alternate diverse performance di musicisti presentati da Ernesto Assante, mentre attorno sono stati allestiti stand dove è stato possibile informarsi sulle attività dell’organizzazione fondata da Gino Sttrada. Dopo il grande successo della scorsa edizione, è stato di nuovo allestito il Peace Therapy, un percorso grazie al quale i visitatori hanno potuto rivivere le storie dei pazienti che ogni giorno vengono accolti negli ospedali di Emergency nelle zone di guerra, attraverso un’esperienza immersiva fatta di filmati, immagini e realtà virtuale. Questa quinta edizione di Pe’ Strada per Emergency, alla quale sono stati presenti sia la presidente dell’organizzazione, Rossella Miccio, che il fondatore, Gino Strada, è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Roma, oltre che con gli studenti dell’Istituto Cine-Tv Roberto Rossellini.

in riproduzione….

Il Centro di Maternità di Anabah. I fondi raccolti grazie a Pe’ Strada saranno destinati al Centro di Maternità e Medico-Chirurgico di Anabah, in Afghanistan, a un centinaio di km a Nord di Kabul, così come i ricavi della lotteria associata all’evento. Avviato nel 2003, il Centro di maternità di Anabah sorge nel cuore della Valle del Panshir, nel nord dell’Afghanistan. Il progetto nasce dalla necessità di una struttura capace di far fronte all’emergenza dell’altissima mortalità materna (99 volte più alta di quella registrata in Italia) e infantile (47 volte più alta). Il Centro – che ad oggi rappresenta l’unica struttura specializzata e completamente gratuita in quell’area – offre assistenza ginecologica, ostetrica e neonatale e un servizio di assistenza prenatale per monitorare le gravidanze e curare tempestivamente l’insorgere di eventuali patologie. Ma, come in tutto i Paesi in cui ha lavorato l’organizzazione umanitaria, l’obiettivo di Emergency è quello di fornire strumenti e competenze al personale locale, che così un giorno sarà in grado di far fronte ad ogni esigenza medica da solo. Per questo, la struttura offre anche un servizio di formazione per il personale afgano (qui, composto da sole donne). Ad oggi, sono state visitate oltre 274.000 donne e fatti nascere oltre 46.000 bambini.

“Pe’ Strada, fatti di storia. La novità di quest’anno sono i “Fatti di storia”, tour che si svolgeranno nell’area tra Piazza di Spagna e Piazza del Popolo alla scoperta delle tracce lasciate dagli artisti che durante gli ultimi cinque secoli hanno vissuto, lavorato e sognato tra i vicoli di Roma.

Sono 10 milioni le persone curate da Emergency in 18 Paesi. Il palcoscenico naturale di Piazza del Popolo è stato dunque lo spazio di un racconto che ha per protagonisti gli oltre 10 milioni di pazienti che EMERGENCY ha curato dalla sua fondazione a oggi. Dal 1994 l’associazione ha infatti portato le sue attività sanitarie in 18 Paesi del mondo. Attualmente Emergency è presente in Afghanistan, Iraq, Sierra Leone, Sudan, Repubblica Centrafricana, Uganda e Italia.
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/solidarieta/rss2.0.xml