Empoli, donna incinta perde il figlio dopo essere stata dimessa dall’ospedale


Si era presentata ieri, venerdì, pomeriggio per dolori al fianco. E’ tornata dopo mezzanotte quando il feto era già morto

Una donna di 37 anni incinta ha perso il figlio all’ospedale di Empoli, da dove era stata dimessa poche ore prima. Era alla trentaseiesima settimana di gravidanza e si è presentata al pronto soccorso il pomeriggio di ieri, venerdì, alle 18.30 accusando forti dolori addominali, in particolare al fianco destro. La donna poi, nel corso di alcuni esami successivi, ha detto di soffrire da tre giorni di gastroenterite. Ma la ginecologa, come spiegano dalla Asl Toscana Centro, “non ha tuttavia riscontrato elementi di emergenza urgenza e la donna è stata rinviata al domicilio”, cioè rimandata a casa. Ma dopo la mezzanotte, tra ieri e oggi, è tornata di nuovo al pronto soccorso per forti dolori addominali. Ripetuti gli esami, si è scoperta la morte fetale intrauterina con un’emorragia addominale. I medici sono comunque riusciti a salvare l’utero della donna, già madre di una figlia di 2 anni e mezzo, eseguendo un taglio cesareo in emergenza. Ora la donna è ricoverata nel reparto di ostetricia e non è in pericolo di vita. L’Asl ha attivato accertamenti, secondo l’iter interno di ‘rischio clinico aziendalè e domani mattina è in programma un riscontro diagnostico.

03 novembre 2018 – Aggiornato alle







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml