EMPOLI – Dal Castellani arriva un importante responso per il campionato: il Frosinone si tira fuori dalla corsa salvezza. I ciociari perdono 2-1 il decisivo scontro salvezza con l’Empoli e scivolano a distanza siderale (8 punti) dal terzultimo posto. Davvero troppi per una squadra che ne ha racimolati appena 17 in 28 giornate. Ride, invece, Andreazzoli che nel giorno del suo ritorno sulla panchina azzurra restituisce un pizzico di entusiasmo alla formazione toscana. Restare in A non sarà facile visto che il Bologna ha ritrovato spirito e quadratura ma di certo l’Empoli lotterà fino in fondo.

Andreazzoli rilancia Maietta, Traorè e Pajac

Costretto a vincere per sperare ancora, Baroni ha deciso di giocarsi le proprie carte rilanciando in attacco Ciofani al posto di Pinamonti e restituendo una maglia da titolare a centrocampo a Cassata. Sul fronte opposto Andreazzoli si è presentato confermando il 3-5-2 ma cambiando 3 pedine nella squadra di Iachini: fuori Veseli Acquah e Pasqual, dentro Maietta, Traoré e Pajac.

Caputo e Pajac stendono il Frosinone

La gara si è, di fatto, decisa dopo appena 15′: Manganiello al Var ha richiamato Massa che non si era accorto di un fallo in area di Paganini su Farias e lo ha indotto a decretare il giusto rigore. Sul dischetto è andato Caputo che ha trasformato con freddezza. Il Frosinone ha accusato il colpo ed è mentalmente uscito dal campo: Sportiello ha evitato il raddoppio su un tiro di Caputo, presentatosi solo davanti a lui, ma nulla ha potuto al 38′ sul sinistro sotto l’incrocio di Pajac, smarcato in area da Krunic al termine di un perfetto contropiede. L’Empoli si è galvanizzato ma non è riuscito a triplicare prima del tempo con Pajac, Caputo e Farias. Solo nel recupero il Frosinone si è reso per la prima volta reso pericoloso con una rovesciata di Paganini, di poco oltre la traversa.

Valzania riaccende i gialloblu

Baroni ha provato a cambiare qualcosa inserendo Valzania al posto di uno spento Cassata ma la manovra degli ospiti per 25′ è rimasta prevedibile. L’Empoli ha amministrato con ordine ma non ha inferto il colpo del ko agli avversari in contropiede con Farias, smarcato solo davanti alla porta da Caputo. Il Frosinone ha ringraziato e, grazie al passaggio al 4-3-3 con l’ingresso di Trotta per Chibsah, è tornato in partita: Ciofani in mezza girata ha impegnato Dragowski che nulla ha potuto sul successivo tap-in a porta vuota di Valzania.

Dionisi entra e manca il pari nel recupero

Solo a questo punto il Frosinone si è davvero risvegliato, cingendo d’assedio la trequarti avversaria. Baroni ha tentato il tutto per tutto facendo esordire in campionato all’85’ Dionisi, assente da giugno, e proprio l’ex attaccante del Livorno ha avuto la migliore occasione per pareggiare in pieno recupero: il suo colpo di testa, su un cross di Molinaro, è però terminato di poco a lato portando via con sé, probabilmente, anche le ultime speranze di salvezza dei ciociari.

EMPOLI-FROSINONE 2-1 (2-0)
Empoli (3-5-2): Dragowski; Maietta, Silvestre, Dell’Orco; Di Lorenzo, Traoré (32’st Acquah), Bennacer, Krunic, Pajac (24’st Pasqual); Farias (42’st. Ucan), Caputo. In panchina: Provedel, Perucchini, Brighi, Veseli, Capezzi, Rasmussen, Oberlin, Nikolaou. Allenatore: Andreazzoli.
Frosinone (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salamon, Capuano (40’st Dionisi); Paganini, Chisbah (16’st Trotta), Maiello, Cassata (1’st Valzania), Molinaro; Ciano, Ciofani. In panchina: Bardi, Simic, Gori, Errico, Ariaudo, Zampano, Brighenti, Krajnc, Beghetto. Allenatore: Baroni.
Arbitro: Massa di Imperia 6.
Reti: 20′ pt Caputo (rig), 39′ pt Pajac, 24′ st Valzania.
Ammoniti: Valzania, Goldaniga, Pasqual, Dragowski, Acquah e Silvestre.
Angoli 2-2.
Recupero: 3′; 6′.
Spettatori: 7500 circa (6525 abbonati dell’Empoli).


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml