ROMA – Ora è ufficiale. Facebook sta sviluppando un proprio assistente digitale, simile ad Alexa di Amazon e Google Assistant. Già nelle scorse settimane erano circolate alcune indiscrezioni. Alla fine di marzo, il capo dell’intelligenza artificiale del gruppo, Yann LeCun, non aveva escluso l’opzione in un’intervista al Financial Times. Adesso però è arrivata l’ufficialità. Dopo un articolo di Cnbc, Facebook ha confermato a TheVerge lo sviluppo dell’assistente digitale: “Stiamo lavorando per sviluppare tecnologie di assistente voce che possano funzionare in tutti i nostri prodotti di realtà virtuale e aumentata, compresi Oculus, Portal e i dispositivi futuri”.

Già lo scorso anno Facebook aveva puntato un assistente digitale per Messenger, chiamato “M”. Adesso però l’attenzione si sposta dalla messaggistica ad altre applicazioni che vogliono consentire agli utenti di avere le mani libere. Facebook non è più solo un social network. E nel 2018 ha lanciato il primo dispositivo hardware con il proprio marchio, lo smart speaker dotato di schermo Portal. Che oggi è compatibile con Alexa.

Per Mark Zuckerberg sarebbe quindi arrivata l’ora di mettersi in proprio, portando un assistente digitale fatto in casa anche sui visori di Oculus. Secondo Cnbc, a capo del progetto ci sarebbe Ira Snyder, che su Linkedin risulta essere “direttore di realtà virtuale/aumentata e Facebook Assistant”. Non è però chiaro se questo sarà il nome commerciale o il gruppo preferirà cambiarlo in qualcosa di più immediato, sul modello di Amazon (con Alexa) e Apple (con Siri).
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml