DAL 2007 al 2015 è stato segretario del partito liberaldemocratico britannico, dalla fine degli anni Ottanta terzo schieramento in Parlamento. Ma per cinque anni ha governato insieme a David Cameron: i suoi libdem erano “junior partner” dei conservatori che poi, proprio nel 2015, hanno vinto le elezioni e fatto un esecutivo tutto da soli. Il 51enne Nick Clegg avrà ora a che fare con una serie di altri complicati fronti, dalla privacy alla sicurezza: quelli di Facebook. L’ex politico del Buckinghamshire è stato infatti appena assunto dal social network con una carica pesantissima. Quella di responsabile degli affari globali e del team di comunicazione.

A riportarlo è il Financial Times secondo il quale Clegg avrebbe accettato l’incarico dopo molti mesi di corteggiamento direttamente da parte di Mark Zuckerberg, che gli avrebbe assicurato un ruolo centrale nel definire la strategia della società. Curioso che la scelta sia caduta proprio su di lui: terzo di quattro figli di Hermance van den Wall Bake e del banchiere Nicholas Peter Clegg, all’epoca capo della United Trust Bank, Clegg ha un curriculum estremamente ricco e stimolante ma non esattamente dal retroterra tecnologico. Che evidentemente, per il ruolo a cui è stato designato, non occorre.

Laureato al Robinson College di Cambridge in archeologia e antropologia, impegnato in campagne per i diritti umani, ha perfezionato gli studi all’università del Minnesota. Poi si è trasferito a New York, dove ha mosso i primi passi da giornalista al magazine liberale The Nation. Ma il percorso giornalistico, che pure gli è valso nel 1993 il premio David Thomas Award dal Financial Times, è durato poco per quanto l’amore per la scrittura non l’abbia mai abbandonato. Spostatosi a Bruxelles, ha studiato al Collegio d’Europa di Bruges e svolto per alcuni anni una serie di incarichi progressivamente sempre più importanti per la Commissione europea, per esempio nel programma Tacis per l’assistenza ai Paesi dell’ex blocco sovietico, e poi nella collaborazione con Leon Brittan, fra 1993 e 1999 commissario europeo per il commercio ma con un lungo passato negli esecutivi di Margaret Tatcher. Poi, nel 1999, l’elezione a eurodeputato e nel 2006 la carica di segretario del partito liberaldemocratico.

Rispetto al suo nuovo incarico, Clegg – che per un po’, dal 2013 ha condotto un programma radiofonico di successo sulla Lbc battezzato “Call Clegg” – si trasferirà nella Silicon Valley in gennaio, prendendo il posto di Elliot Schrage.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non viviamo di stipendi pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml