FIRENZE – Chiamatelo “Rocco style”. Tra sorrisi, autografi, foto, strette di mano. E’ iniziata l’era americana della Fiorentina, dopo la cessione del club dai Della Valle a Rocco Commisso, fondatore di Mediacom che ha rilevato la società per 130 milioni di euro. Il braccio destro è Joe Barone, che nella giornata di ieri ha incontrato Pantaleo Corvino concordando la risoluzione consensuale del contratto dell’ormai ex direttore generale dell’area tecnica viola. “La Fiorentina comunica, insieme al Direttore Generale dell’Area Tecnica Pantaleo Corvino, che si è deciso di comune accordo di interrompere il rapporto tra le parti – si legge nella nota ufficiale – È iniziato un nuovo percorso con una nuova proprietà e si è, quindi, ritenuto giusto mettere un punto alla gestione tecnica precedente. Il Direttore Corvino nelle sue esperienze in viola ha contribuito con il suo lavoro a far si che la Squadra raggiungesse traguardi molto prestigiosi e, sotto la sua gestione, si é provveduto anche a dare nuova linfa al Settore Giovanile gigliato che ha potuto mettere in bacheca vari titoli Nazionali. La Fiorentina ringrazia Pantaleo Corvino per tutto ciò che ha dato al Club viola e gli augura le migliori fortune per il prosieguo della sua vita professionale e personale”.

Corvino primo a pagare

Dunque Corvino saluta. Ed è il primo a pagare dopo la crisi di risultati che ha colpito la Fiorentina, le contestazioni ai Della Valle, il rischio retrocessione e il colpo di spugna della famiglia marchigiana. Si rompe così un rapporto che è durato dal 2005 al 2012 come direttore sportivo e poi dal 2016 al 2019 come dg. Un rapporto che si era incrinato con la piazza e con la tifoseria ma che era strettamente legato al futuro dei Della Valle. Andati via loro, si è raggiunto l’accordo per interrompere anche il suo contratto che sarebbe durato fino al 2020. Per Corvino l’idea è quella di tornare a Lecce. 

La telefonata con Montella

Per la Fiorentina, invece, sono giorni di attesa per il nuovo organigramma societario. Le certezze sono Giancarlo Antognoni, per il quale si prospetta un ruolo operativo e finalmente centrale (forse la vice presidenza) e Vincenzo Vergine, responsabile del settore giovanile che è stato confermato ufficialmente. In attesa di conferma, invece, Vincenzo Montella: il tecnico potrebbe rimanere, ha un contratto fino al 2021 e nei giorni scorsi Commisso ha telefonato al campano. Si attendono adesso i nomi dell’ad e del dg: il pole Luca Scolari e Pierpaolo Marino ma non sono escluse sorprese con il ritorno di Daniele Pradè. 

Il nodo Chiesa

Inizia così l’era americana della Fiorentina. Lo stile di Rocco. Silenzioso ma deciso. Non sarà una rivoluzione ma una ristrutturazione. E tutto passerà dal futuro di Federico Chiesa. Commisso vuole trattenerlo almeno per un altro anno, Antognoni sta gestendo in prima persona la questione e presto ci sarà anche un contatto tra le due parti. Juventus e Inter attendono: i bianconeri hanno proposto 55 milioni di euro alla Fiorentina e 6 milioni al giocatore. Servirà un adeguamento e un prolungamento: la partita è tutta da giocare e Commisso vuole partire con una vittoria. La più importante.

Commisso: “Adesso serve pazienza”

Così il nuovo proprietario della Fiorentina, Rocco Commisso, ai microfoni di Sky: “Sto ripartendo per gli Stati Uniti. Torniamo a New York dove continueremo a lavorare per la Fiorentina. Tra poco saprete tutto. Sono state bellissime giornate, sto mettendo tutto. Non solo i soldi, anche il cuore. Se incontrerò Montella negli States? Può darsi di sì, come no, non confermo niente. Pradè? Non dico niente, può darsi che sia lui, come no. Ci saranno altre conferme, non sono venuto per licenziare ma per aiutare a crescere. Quando tornerò a Firenze? Può darsi tra due settimane, poi inizierà la tournée negli USA che è importante per il brand e per me, visto che la termineremo a New York. Questo è l’annuncio della sorpresa che vi avevo promesso. Il mercato è in ritardo? No, è successo quello che è successo e i tifosi si devono accontentare. O restavano con la vecchia proprietà o rischiavamo di metterci tre mesi. Ci abbiamo messo solo due settimane, serve pazienza adesso”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml