L’ultimo saluto in cattedrale. Così Firenze dà l’addio a Franco Zeffirelli, il regista e scenografo scomparso il 15 giugno all’età di 96 anni. Il feretro da Palazzo Vecchio, dove era allestita la camera ardente, è arrivato in corteo a San Firenze, sede della Fondazione fortemente voluta dal Maestro come omaggio alla città. Qui è stato osservato un minuto di silenzio. Tra le volontà di Zeffirelli c’era proprio quella di non portare fiori, ma di fare donazioni per la Fondazione.

La cerimonia funebre si tiene in Duomo, con una messa celebrata dall’arcivescovo monsignor Giuseppe Betori. Ad aprire la funzione il Requiem eseguito dal Coro di Cappella di Santa Maria del Fiore diretto dal maestro Michele Manganelli.

GUARDA LA DIRETTA DEI FUNERALI

In chiesa ci sono il sindaco Dario Nardella, il sovrintendente del Maggio Musicale Fiorentino Cristiano Chiarot, la prefetta Laura Lega, oltre a Joe Barone e Giancarlo Antognoni in rappresentanza della Fiorentina, squadra che Zeffirelli ha amato moltissimo. Non c’è invece Silvio Berlusconi, con cui il Mestro nutriva un’amicizia e una condivisione politica. Presente Gianni Letta, mentre al posto di Giuseppe Conte partecipa il ministro dei Beni e delle attività culturali Alberto Bonisoli.

Pippo, uno dei due figli adottivi del Maestro, si è commosso all’arrivo del feretro: “E’ una giornata molto triste per noi, ma sono contento che sia tornato qui nella sua Firenze, come lui aveva chiesto e voleva”. Il sindaco, Dario Nardella, ha voluto dedicare un pensiero speciale a Zeffirelli: “La città sta restituendogli tutto l’affetto – ha detto – Da oggi in poi ci dovremo impegnare a lavorare per la Fondazione a cui lui teneva moltissimo e per il Centro internazionale Arti e spettacolo. Oltre che, naturalmente, stare vicino alla sua famiglia”.

in riproduzione….


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop