Tre anni dopo arriva l’interdittiva antimafia per l’azienda di pompe funebri che nel 2015 si occupò di allestire i funerali show del patriarca dei Casamonica, Vittorio Casamonica. Nei confronti degli Eredi Cesarano, re delle pompe funebri di Napoli sarebbero emersi molti elementi a riprova di un loro legame con la camorra. A firmare l’interdittiva, sulla scorta di un consistente dossier investigativo, il prefetto di Napoli.

A darne notizia è il ministro dell’Interno Salvini che commenta: “E’ l’ennesimo colpo ai clan e ai loro fiancheggiatori. Grazie alle forze dell’ordine, al prefetto, agli investigatori. La pacchia è finita e non ci fermiamo!”.

“Si occuparono dei funerali show dei Casamonica, a Roma, nel 2015: ora i re delle pompe funebri partenopee – gli Eredi Cesarano – hanno ricevuto l’interdittiva antimafia. A loro carico sono emersi una raffica di indizi per legami con la camorra. È l’ennesimo colpo ai clan e ai loro fiancheggiatori. Grazie alle Forze dell’Ordine, al prefetto, agli investigatori. La pacchia è finita e non ci fermiamo!”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml