Furti in casa e nelle aziende per finanziare lo spaccio: 10 arresti tra Milano e Varese


Furti in casa e nelle aziende per finanziare lo spaccio: 10 arresti tra Milano e Varese
Una delle armi sequestrate 

La banda colpiva soprattutto ditte tessili: con i soldi rubati acquistava la droga da rivendere. Nelle perquisizioni trovate diverse armi

I furti negli appartamenti e nelle aziende servivano per acquistare la droga da spacciare. I carabinieri di Busto Arsizio, in provincia di Varese, hanno arrestato dieci persone tra il varesotto e l’hinterland milanese. Gli arrestati, quasi tutti di nazionalità albanese, avrebbero colpito diverse ditte in tutta la regione, in particolare quelle attive nel commercio dei tessuti pregiati.
I profitti dei furti – secondo le accuse – venivano reinvestiti per finanziare l’acquisto di stupefacenti, poi rivenduti al dettaglio. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip di Busto Arsizio su richiesta della procura della Repubblica.

in riproduzione….

L’indagine è stata avviata nei primi mesi del 2016, dopo il furto di circa 600 rotoli di tessuti pregiati da un’azienda della provincia di Milano, il cui titolare era stato minacciato più volte, anche con una pistola, affinché non presentasse la denuncia. Gli arrestati sono stati trasferiti in diverse carceri della regione. Durante le perquisizioni sono state ritrovate diverse armi: tra queste anche un fucile e una katana.

23 ottobre 2018 – Aggiornato alle







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml