E’ stato condannato anche per aver minacciato i giornalisti che stavano lavorando a San Luca Antonio Callipari, arrestato da latitante circa un anno fa perchè accusato di essere a capo di una rete di narcotraffico fra Milano e la Lombardia. Il tribunale di Locri ha deciso per lui una pena di un anno, un mese e e dieci giorni per le pesanti minacce con cui ha tentato di obbligare una troupe di Presa Diretta a cancellare quanto girato nella “sua” San Luca. L’episodio risale al maggio 2017. Al termine di una giornata di lavoro, quando stavano lasciando il paese il giornalista di Rai Tre Danilo Procaccianti, il filmaker Fabrizio Lazzaretti e la cronista Alessia Candito, collaboratrice di Repubblica, sono stata raggiunti e bloccati da Callipari ed altri, che hanno intimato loro di spegnere le telecamere e cancellare il girato. “Non tornate più a San Luca o non uscite vivi da qua” ha detto più volte il narco 25enne ai tre giornalisti, dopo aver tentato di prendere prima la telecamera, poi il cellulare con cui si stava tentando di documentare l’aggressione e chiedere soccorso. Immagini, benchè parziali e assai disturbate, poi finite in onda. È partita così l’indagine dei carabinieri, che grazie anche alla collaborazione dei giornalisti che hanno identificato l’autore delle minacce, ha permesso di arrivare al processo che ha visto la condanna di Callipari.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop