“Io non avrei messo al mondo dei figli che non potrei mai vedere”. Doveva essere una foto come tante, un momento di tenerezza tra una mamma e la sua bambina, al termine di un esame universitario andato bene. Solo che la mamma in questione si chiama Annalisa Minetti e alcuni hater su Instagram non le hanno perdonato la scelta di aver messo al mondo dei figli nonostante la sua condizione di non vedente.

La sequenza di attacchi è stata riportata su Facebook da Iacopo Melio – giornalista e attivista per la causa dell’abbattimento di barriere architettoniche e stereotipi culturali, nonché fresco appuntato dell’onorificenza di Cavaliere dell’ordine al merito, conferitagli dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella –  e subito si è scatenata la controffensiva, che ha messo in minoranza i commenti degli odiatori. 

Quella di Annalisa Minetti, 42 anni, non è una storia che si definirebbe comune. A 18 anni scoprì di essere affetta da retinite pigmentosa e degenerazione maculare, malattie che l’avrebbero gradualmente condotta alla cecità. Da quel momento, però, Minetti ha affrontato a testa alta qualsiasi sfida le si sia parata di fronte, ottenendo un settimo posto a Miss Italia 1997 e vincendo il Festival di Sanremo 1998, prima di abbandonare lo spettacolo e dedicarsi alle competizioni paralimpiche. Le sue vittorie più grandi, però, restano proprio Elèna, la bambina della foto, e Fabio, il primogenito nato dal suo primo matrimonio con il calciatore Gennaro Esposito.  


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml