ROMA – Super stabilizzazione e software ancora più intuitivo. Le differenze tra la nuova GoPro Hero 7 Black Edition e il modello precedente si apprezzano nell’uso e sono tutte “sotto il cofano” considerando le dimensioni identiche (che per altro permettono la retrocompatibilità degli accessori). E l’esperienza costruttiva della casa di San Mateo, in California, nel settore delle action cam si fa sentire tutta nonostante le concorrenti aumentino. Ultima, in ordine di tempo la nuova, la Dji Osmo Action della quale abbiamo parlato di recente. Una cam di qualità e molto ben stabilizzata con solo qualche difetto di gioventù.
 
Ma torniamo alla GoPro Hero 7 Black Edition che si presenta robusta e pratica anche nell’uso a mano grazie al rivestimento in gomma che, oltre proteggerla e ad evitare che ci caschi di mano con discreta frequenza, le dà quel grip necessario per ogni occasione. Schermo luminoso da 2 pollici touchscreen e tasti come sempre sistema in posizioni ergonomiche. Connessioni di ordinanza, USB-C utile per una ricarica veloce via cavo e l’IDMI micro. Tutte con tutti gli sportellini a tenuta stagna che, donandole impermeabilità, permettono di usarla in acqua sino a 10 metri di profondità. Naturalmente senza il guscio protettivo a cui gli appassionati delle action cam sono abituati. La camera mantiene dalla Hero 6 la risoluzione del sensore (12 megapixel), il grandangolo F/2.8 e tutte le risoluzioni di ripresa: 4k a 60 fps e 30 fps (Superview) e 2,7K a 120 e 60 fps. Grazie al software migliorato si notano immagini più definite, dai colori equilibrati e un’ottima resa anche con meno luminosità.
 

GoPro Hero 7 Black, la forza della stabilizzazione

Nella prova abbiamo apprezzato soprattutto il sistema di stabilizzazione, chiamato Hypersmooth, che riserva sorprese anche nelle situazioni meno agevoli con ottimi risultati anche se riduce il capo visivo del 10 per cento. GoPro assicura che le prestazioni di questa stabilizzazione software sono prossime a quelle di una gimbal (in sistema prof a sospensione cardanica). Non ce la sentiamo di sottoscrivere perché qui si parla di un software e basta ma la praticità al momento colma quel che manca per andare in pari. Il risultato è una stabilizzazione dolce e costante che fa giustizia degli scatti naturali in una action cam normale. E questa feature esalta naturalmente lo slow motion. Quanto alla qualità audio delle riprese, non sembra sia stato fatto quel passo in avanti che ci si aspettava anche se l’azienda californiana assicura che grazie al nuovo tipo di membrana del microfono si riducono le vibrazioni indesiderate quando la fotocamera è montata su un supporto. Stesso discorso per l’autonomia, che in 4K arriva a 30-40 minuti con il display acceso e sale a un’ora con il display spento. Le batterie – 1220 mAh – sono identiche a quelle dei modelli precedenti. Una retrocompatibilità rara nel mondo hi-tech.
 

GoPro Hero 7 Black, la forza della stabilizzazione

Non poteva mancare l’aspetto social: con questa action si può fare streaming Live collegandosi al proprio profilo Facebook, con possibilità di salvare i video sulla scheda SD in alta definizione. C’è poi un’interessante modalità verticale – ovvero l’acquisizione verticale nativa per una facile condivisione su Instagram Stories, Snapchat e via di questo passo. Ovviamente si possono scattare fotografie anche in formato Raw. Il prezzo della Hero 7 Black? In rete la si trova anche a poco meno di 380 euro, molto meno rispetto al prezzo di uscita che si attestava sui 429 euro.

Concludendo, questa ultima versione di GoPro ci ha sostanzialmente convinto. La scoperta della stabilizzazione è, se non tutto, molto davvero in un dispositivo con queste caratteristiche. E poi: riprese nitide, possibilità di utilizzare in post produzione dei file di altissima qualità, senza dimenticare un’app dedicata che si integra alla perfezione con l’Action cam. Con la GoPro Hero 7 Il salto in avanti c’è stato. Ora non resta che continuare perché, come già detto, i concorrenti (soprattutto quelli che vengono dalla Cina) non stanno certo a guardare.
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml