Greta Thunberg ha lasciato la sua casa in Svezia per un lungo viaggio “di lavoro” e l’anno sabbatico dal liceo che la porterà in Svizzera, negli Stati Uniti e in Cile, ma anche in Canada e in Messico. Viaggio nel quale non prenderà aerei, il cui enorme impatto sul clima, come quello delle navi da crociera, denuncia da tempo. La 16enne, che ha innescato con la sua protesta contro la mancata azione dei governi per fare fronte ai cambiamenti climatici l’ondata di impegno e iniziative dei giovani di tutta Europa, arriverà in treno a Losanna, per prendere parte al summit di una settimana del movimento Fridays for Future insieme agli attivisti di decine di altri Paesi, e poi raggiungerà la Gran Bretagna, da dove salperà, a bordo del Malizia II, yacht da regata di 18 metri a emissioni zero, dei due skipper Boris Herrmann e Pierre Casiraghi di Monaco.

“Sul treno del mattino per New York e Santiago del Cile”, ha scritto sui social, con la sua foto accanto a un treno in Svezia. A New York, il 23 settembre Greta interverrà al vertice sul Clima dell’Onu organizzato a margine dell’Assemblea generale, e alle proteste in programma il 20 e il 27, mentre in Cile prenderà parte alla Conferenza annuale sui cambiamenti climatici che si terrà a dicembre, fra il 2 e il 13. Fra i due eventi visiterà il Canada e il Messico. Sarà accompagnata dal padre Svante e da un video maker.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml

Caffeshop