SHANGHAI – Non c’è ancora una data per il lancio del sistema operativo proprietario di Huawei, che dovrebbe chiamarsi Ark. L’azienda cinese ha accelerato i tempi dopo che l’adesione di Google (che sviluppa il sistema operativo Android, tuttora usato dai prodotti Huawei) al bando imposto dalla Casa Bianca ha messo in discussione la futura disponibilità di Android sui device del colosso di Shenzen, ma è ancora presto, ha detto il presidente Ken Hu, per dire a che punto sia lo sviluppo. A Shanghai per partecipare al Mobile World congress, Hu ha ricordato che “non ci saranno conseguenze per i device in consegna e per quelli in magazzino”, e che Huawei “ha sempre sostenuto e continuerà a sostenere Android” ma ha anche ribadito che “se non potrà continuare a usarlo dovrà cercare soluzioni alternative”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml