MILANO –  “Non è una questione economica. Quello che interessa a Icardi è essere parte integrante del progetto Inter. Vi pare possibile che in due mesi di preparazione non abbia partecipato a un’amichevole?”. Giuseppe Di Carlo, legale di Mauro Icardi, chiarisce a Sportmediaset la richiesta di risarcimento di 1,5 milioni avanzata all’Inter nell’ambito della causa contro il club nerazzurro. “La richiesta di risarcimento – aggiunge – è una conseguenza necessaria dell’atto. E’ una formula obbligatoria. Non fa parte di un’iniziativa personale del giocatore. L’atto sarebbe stato incompleto, monco, senza la specifica di risarcimento del danno subito non inferiore al 20% del compenso annuo”.

Ora, come spiega l’avvocato, bisogna attendere la risposta della società che ha cinque giorni di tempo per nominare il proprio arbitro. Probabilmente si aspetterà la fine del mercato.  E in caso di trasferimento: “Ovviamente tutto rientrerebbe. Non ci sarebbero più le ragioni per procedere”. Intanto sul web circola la domanda di arbitrato redatta dall’avvocato DiCarlo: “È inspiegabile. Mai vista una cosa del genere. Ho visto il documento diffuso integralmente con gravissime violazioni della privacy. Senza omissis. Circola di tutto: indirizzi, nomi, numeri di telefono. Qualcuno dovrà risponderne. Soprattutto chi lo ha pubblicato”.

 


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml