GROSSETO – Dalla sedia a rotelle a capitano della squadra del cuore, il Grosseto. Correndo sulle fasce, passando palloni ai compagni con perizia e altruismo. La storia di Leonardo Speroni, 15 anni di testardaggine, passione e tenacia racchiuse in un corpo minuto, è fatta di volontà, ricerca medica, solidarietà. Nato con una rarissima malattia genetica, solo altri 19 casi in tutto il mondo, ha cominciato a fare i conti con la difficoltà di muoversi, di fare le cose più semplici, quando i suoi coetanei smettevano di gattonare per cominciare a correree. Solo due anni e mezzo e il perimetro dei suoi giochi si è ristretto sempre di più. Deficit mitocondriale della catena respiratoria, hanno stabilito i medici dando un nome al suo male,  una condanna che lo ha costretto da subito a muoversi su una sedia a rotelle.

Ma lui non si è mai arreso e i suoi genitori, Stefano barbiere e Roberta casalinga,  neppure. E così grazie ai medici del Meyer di Firenze e all’Ammec, l’Associazione malattie metaboliche congenite, hanno cominciato a dare battaglia. Terapia motoria, esercizi ripetuti fino allo sfinimento per rimettersi in piedi e una cura sperimentale che arriva dall’America con farmaci a base di sale lo hanno portato domenica a guidare i suoi compagni del campionato provinciale giovanissimi, sfidando la squadra del Braccagni. Anche grazie ai soldi raccolti dai suoi concittadini, dai tifosi come lui del Grosseto che hanno permesso ad una ricercatrice dell’Ammec di partecipare a studi specifici in America.

La  partita è finita 13-0 per i grossetani: i tifosi, fin dal primo minuto di gara, hanno dedicato i loro cori a Leo che è rimasto in campo dal primo all’ultimo minuto. Lui, capelli scuri, aria seria e compita, frequenta il primo anno dell’istituto commerciale Fossombroni. I suoi idoli non sono Messi o Ronaldo mai giocatori che hanno fatto la storia del suo  Grosseto. Ragazzino sveglio, appassionato ma realista, sa che non potrà fare il calciatore di professione e così sogna di mettere a frutto le sue capacità come come allenatore.




SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml