ROMA – Alexa (o Siri o Google & co.) che diffusione avrete nel 2019? La risposta potrebbe essere un sorriso di soddisfazione se ci pensa che la crescita degli smart speaker, ovvero degli altoparlanti cosidetti “intelligenti” che integrano un assistente vocale come Alexa di Amazon, Google Assistant o Siri di Apple è certificata ormai dai numeri. E non accenna ad arrestarsi. Entro la fine di quest’anno nelle case del pianeta ce ne saranno 207,9 milioni. Il dato, previsto dagli analisti di Canalys, segna una crescita dell’82,4% rispetto ai 114 milioni di speaker sparsi per il mondo a fine 2018. Sempre secondo gli analisti, entro il 2021 ci saranno più altoparlanti smart che tablet. E nel 2023, sempre su scala globale, se ne conteranno oltre mezzo miliardo di unità.

A trainare la crescita sarà la Cina, dove nel 2019 si registrerà un incremento del 166% con una base installata di circa 60 milioni di unità. A dominare nelle vendite saranno prodotti locali come Tmall Genie e Xiao Ai, mentre sono pressoché assenti le aziende occidentali. Il mercato più grande resta comunque quello americano, dove a fine 2019 la base installata di speaker si avvicinerà ai 90 milioni di unità, con una crescita annua del 46%. Incrementi del 130% sono previsti in Giappone e Corea del Sud, dove la diffusione di altoparlanti smart è ancora contenuta.


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml