Imperia, il capo della polizia rinuncia alla cittadinanza e annuncia querela contro consigliera del M5s


Il caso nato dalla proposta, contestata, del sindaco Scajola che è imputato in un processo a Reggio Calabria


 Il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha deciso di rinunciare alla cittadinanza onoraria di Imperia dopo che proprio sul conferimento dell’onorificenza, previsto per il prossimo 7 dicembre, alcuni consiglieri hanno espresso il proprio dissenso.
Non solo: Gabrielli annuncia una querela contro la consigliera del M5s che nel suo intervento avrebbe fatto pesanti e gratuite insinuazioni sul prefetto.
Finisce così una vicenda nata con molti interroggativi circa l’opportunità. Non quella dell’onorificenza al capo della polizia, bensì al fatto che a proporla fosse stato il sindaco Claudio Scajola, ex ministro dell’interno. Scajola  è attualmente a processo a Reggio Calabria accusato di aver tentato di favorire la latitanza di un condnanato per appoggio alla ‘ndrangheta.
Proprio questo aspetto, evidenziato per prima da Repubblica nei giorni scorsi, è stato sottolineato questa sera durante il dibattito in consiglio da alcuni esponenti delle opposizioni, in primis Edoardo Verda di Imperia al Centro.

Il Capo della Polizia ha già comunicato la sua decisione al sindaco di Imperia Claudio Scajola mentre era ancora in corso la seduta comunale. Gabrielli, inoltre si riserva di valutare di ricorrere alle vie legali nei confronti del capogruppo del Movimento cinquestelle  Maria Nella Ponte che durante il Consiglio ha espresso giudizi “diffamatori ed allusivi” sull’operato del capo della Polizia quando era prefetto dell’Aquila dopo il terremoto del 2009.

27 novembre 2018 – Aggiornato alle







SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml