Secondo la Corte serve un decreto ministeriale che ridisegni i limiti già approvati dal governo nel 2012. Occorre quindi un chiarimento: perché se la struttura finanzia le attività, che sia scuola o struttura sanitaria non importa, allora Imu e Tasi vanno pagate


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml