Domenica nera per le escursioni in montagna. Tre persone hanno perso la vita tra l’Alto Adige e il Molise. Tre incidenti mortali nel giro di poche ore: uno sull’Ortles, uno nella zona delle Tre Cime di Lavaredo e un altro sul monte Marrone che sovrasta Rocchetta a Volturno, in provincia di Isernia.

La prima vittima è un alpinista bielorusso di 40 anni, morto dopo essere precipitato per 500 metri durante un’ascensione nel gruppo dell’Ortles, nella zona di Solda in Alta Val Venosta. L’incidente è avvenuto a 2.800 metri di quota. L’uomo non era legato al cavo d’acciaio e stava percorrendo la via ferrata tra il rifugio Tabaretta e il rifugio Payer per raggiungere la vetta dell’Ortles, la più alta della provincia di Bolzano con i suoi 3.905 metri. Poco prima aveva sorpassato sulla via ferrata un gruppo di alpinisti, salutandoli con un italiano stentato e qualche parola di inglese. La comitiva, testimone dell’incidente, ha lanciato l’allarme. L’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites ha portato in quota tre uomini del soccorso alpino di Solda che hanno recuperato e portato a valle la salma.

Sempre in Alto Adige un turista tedesco ha perso la vita durante la scalata della Croda Fiscalina, una vetta di 2.677 metri nella zona delle Tre Cime di Lavaredo. Dopo una sosta in vetta, il turista, un bavarese di 45 anni, si è alzato per iniziare la discesa ed è precipitato nel vuoto, per circa 300 metri, morendo sul colpo. Ancora da accertare l’esatta dinamica della caduta. La salma è stata portata a valle dall’elisoccorso altoatesino Pelikan 2.

Una caduta fatale anche per il 36enne che ha perso la vita in Molise, durante un’escursione con amici sulla catena delle Mainarde. È caduto e ha battuto la testa mentre stava salendo verso la Croce di monte Marrone. Sono stati i suoi compagni ad allertare il 118. La zona impervia, a circa 1.800 metri di quota, ha impedito alle ambulanze di raggiungere il luogo dell’incidente. Sul posto è arrivato un elicottero del 118, partito da Pescara, oltre ai carabinieri e agli uomini del soccorso alpino. I soccorsi si sono però rivelati inutili.

 


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/cronaca/rss2.0.xml