SULL’ONDA di una mania da controllo e detox da smartphone e applicazioni, arriva anche il nuovo sistema di Instagram. La piattaforma ha infatti reso operativa in queste ore la sezione “Le tue attività”: si tratta di una dashboard, cioè un cruscotto di controllo per monitorare il tempo trascorso sul social controllato da Facebook. L’annuncio era stato dato lo scorso agosto sulla scia, come si diceva, di simili meccanismi implementati per esempio da Google e Apple all’interno dei loro sistemi operativi. Anche il social videofotografico ha ora questo cronometro distribuito con l’ultimo aggiornamento, raggiungibile attraverso le Impostazioni.
 

Instagram attiva il contatore che ti dice quanto tempo ci passi

All’interno delle “Tue attività” è possibile svolgere una serie di azioni. Per esempio, disattivare temporaneamente le notifiche push, qualora fossero state attivate, oppure impostare un limite di tempo giornaliero da trascorrere sull’applicazione ora guidata da Adam Mosseri. La sezione si raggiunge in particolare cliccando “l’hamburger menu”, le tre lineette in alto a destra sul proprio profilo, ed è la prima voce che salta fuori: fornisce una media giornaliera del tempo trascorso usando l’app su quello specifico dispositivo e, appunto, la possibilità di rendere il programma un po’ meno invasivo.
 

Instagram attiva il contatore che ti dice quanto tempo ci passi

Anche Apple ha introdotto un meccanismo simile, sebbene molto più articolato, all’interno delle proprie impostazioni e Google ha aggiunto una sezione dedicata al “benessere digitale” su Android 9. Tim Cook e molti altri top manager della Silicon Valley hanno improvvisamente scoperto, negli ultimi mesi, il valore – in termini di comunicazione, forse, più che per le proprie casse – di un approccio moderato ai dispositivi digitali. E hanno iniziato a spingere per il lancio di simili strumenti negli ambienti che gestiscono. Qualcosa del genere arriverà a breve anche per Facebook.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml