MILANO – L’Inter, a cavallo di una stagione turbolenta, il 26 dicembre a San Siro alle 20.30, si presenta in campo al cospetto del Napoli. Per la squadra e Luciano Spalletti la partita con i partenopei è una tappa fondamentale della stagione: una prova utile per dare un segnale di essere gruppo, soprattutto dopo il pareggio di Verona contro il Chievo. L’irritazione, da qualche settimana, fa parte del mondo di Appiano, con l’allenatore che dà segni tangibili di insofferenza, anche lontano dal Centro Suning.

Senza dimenticare la sospensione dall’attività agonistica di Radja Nainggolan per motivi disciplinari (più una multa di 40 mila euro). Il belga salterà il Napoli, per la gara del 29 a Empoli la scelta della società è in divenire e a gennaio, inoltre, il calciatore potrebbe essere mandato altrove. Nel mentre proprio il centrocampista oggi si è presentato nel quartier generale interista per l’allenamento in anticipo rispetto alla convocazione. In questo bailamme c’è tempo anche per scherzare. Tant’è che in vista della delicata sfida contro la formazione di Carlo Ancelotti, Candreva via social scherza con Brozovic: “E fallo un sorriso ogni tanto”, ha scritto l’interista su Instagram. 
 
A SAN SIRO DUE SUCCESSI DELL’INTER SUL NAPOLI IN 7 GARE – Al netto di sbeffeggiamenti, poca lucidità e punizioni ci sono i numeri a far preoccupare Spalletti. Dati che sorrido poco all’Inter, che è riuscita a vincere solo in una delle ultime 11 partite di campionato contro il Napoli. Nello specifico al Meazza i nerazzurri contano due successi su sette match disputati, per il resto tre pareggi e 2 sconfitte. I gol? Un lontano ricorso. L’Inter non segna al Napoli da 406 minuti. L’ultima rete è di Brozovic nel 2-0 nell’aprile del 2016. A questo si aggiungono i risultati dell’ultimo mese che vanno ad aggiungersi all’eliminazione dalla Champions. Su quattro gare, l’Inter ha ottenuto due pareggi, una sconfitta e una vittoria. Un po’ poco per una formazione che vuole chiudere la stagione tra le prime quattro in classifica.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml