MILANO – Un finale convulso e nervoso, probabilmente figlio delle polemiche innescate nei giorni scorso da alcune dichiarazioni da parte di Aurelio De Laurentiis contro l’arbitro Mazzoleni. Risultato: dopo una bella e combattuta partita, Koulibaly viene ammonito dopo aver commesso un fallo e applaude il direttore di gara facendosi cacciare. Ululati razzisti del pubblico accompagno il senegalese negli spogliatoi. L’Inter a quel punto ci crede, rischia e passa nel recupero con Lautaro Martinez. Ma non è finita perché Keita provoca Insigne che perde la testa e si fa a sua volta cacciare. A tutto questo aggiungiamo che quattro tifosi sono stati accoltellati nei pressi dello stadio Meazza. Il ferito più grave è un uomo di 43 anni, ricoverato in codice giallo all’ospedale Sacco di Milano.

PRONTI, VIA E TRAVERSA DI ICARDI –  4-3-3 per Spalletti che in avanti con Icardi schiera Politano e Perisic. Nainggolan è per il momento fuori rosa e allora a centrocampo giocano Borja Valero, Brozovic e Joao Mario. D’Ambrosio e Asamoh esterni con De Vrij e Skriniar al centro della difesa. Ancelotti si schiera con un 4-4-2 con Callejon che fa il terzino destro e Mario Rui a sinistra. In attacco Milik con Insigne. A centrocampo Allan e Hamsik, con Ruiz e Zielinski esterni. Al centro della difesa Koulibaly e Albiol. L’Inter batte il calcio d’avvio e Icardi tira direttamente in porta e prende la traversa. I nerazzurri partono forte e schiacciano dietro il Napoli anche se, a parte una girata alta di Politano, non insidiano oltre la porta difesa da Meret. I campani rispondono al 16′ con Insigne ma Handanovic c’è.

KOULIBALY SALVA IL NAPOLI – Al 24′ Hamsik è costretto a uscire per un problema muscolare. Ancelotti allora fa entrare Maksimovic che prende il posto di Callejon sulla linea difensiva con lo spagnolo che avanza sulla mediana. Intanto, poco prima della mezz’ora, arrivano dagli spalti odiosi ululati quando tocca palla Koulibaly. Tornando al match, l’Inter insiste ma la difesa ospite tiene botta. Joao Mario ci prova di testa al 38′ ma è un passaggio a Meret. Grossissima occasione invece al 43′ quando Icardi controlla palla in area, mini-mischia con Meret messo in difficoltà da una deviazione di Maksimovic e il capitano dell’Inter devia in porta, ma Koulibaly c’è e salva il Napoli.

in riproduzione….

ESPULSO KOULIBALY – L’Inter parte bene anche nel secondo tempo e Brozovic ci prova con un tiro al volo dal limite al 9′ ma non inquadra la porta. Poi il Napoli prende campo e riesce a sua volta a schiacciare i meneghini nella loro metà campo. Al 21′ è pericoloso Callejon con un bel destro che Handanovic respinge. Intanto Spalletti fa entrare Vecino per Borja Valero, mentre Ancelotti opta per Mertens al posto di Insigne, ma cambia idea all’ultimo momento e leva Milik. Perisic praticamente non scende in campo nella ripresa e il tecnico nerazzurri lo cambia con Keita. Al minuto 35 la svolta del match: Koulibaly commette fallo su Politano e viene ammonito. Quindi applaude Mazzoleni che lo caccia. Ressa azzurra intorno al direttore di gara per ulteriori insulti razzisti che piovono dagli spalti, ma la partita prosegue.

DECIDE LAUTARO – In undici contro dieci, Spalletti tenta di vincerla e cambia Joao Mario con Lautaro Martinez. Ma è Icardi il più pericoloso quando al 39′ di testa impegna Meret. Poco dopo Politano scarica un destro che però prende in pieno Vecino. L’Inter all’arrembaggio, ma al 44′ rischia il ko: Handanovic salva su Insigne e Asamoah sulla linea respinge una palla calciata da Zielinski. Nel primo dei tre minuti di recupero, i nerazzurri vincono la partita: Keita da destra mette palla in area e Martinez col piatto mancino insacca dopo un velo di Vecino. Poi il finale nervoso di cui abbiamo già parlato e che porta all’espulsione di Insigne. Dopo questa sconfitta, gli azzurri restano a -9 dalla capolista Juventus che alla fine guadagna addirittura un punto, mentre l’Inter avvicina il secondo posto dei campani, ora lontano solo 5 lunghezze.

Inter-Napoli 1-0 (0-0)
Inter (4-3-3): Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Asamoah; Borja Valero (19′ st Vecino), Brozovic, Joao Mario (38′ st Martinez); Politano, Perisic (29′ st Keita), Icardi . In panchina: Padelli, Vrsaljko, Gagliardini, Ranocchia, Dalbert, Candreva. Allenatore: Spalletti
Napoli (4-4-2): Meret; Callejon, Albiol, Koulibaly, Mario Rui (33′ st Ghoulam); Zielinski, Allan, Hamsik (24′ pt Maksimovic), Fabian Ruiz; Insigne, Milik (25′ st Mertens). In panchina: Ospina, Karnezis, Malcuit, Verdi, Ounas, Luperto, Hysaj, Rog, Diawara. Allenatore: Ancelotti
Arbitro: Mazzoleni di Bergamo
Rete: 46′ st Martinez
Espulsi al 36’st per doppia ammonizione (la prima per gioco scorretto, la seconda per gesto antisportivo), al 49’st Insigne per gioco violento
Ammoniti: Brozovic, Borja Valero, Allan, Albiol, Koulibaly, Martinez
Angoli 5-0
Recupero: 2′; 4′


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml