LUGANO – Si riducono le distanze fra il Cagliari e l’Inter per il passaggio del centrocampista Nicolò Barella in nerazzurro. Le due società, divise per settimane da una decina di milioni di euro nella valutazione del giocatore, hanno finalmente trovato la quadra. L’intesa è raggiunta su circa 45 milioni, fra quota fissa e bonus, che l’Inter chiede di potere dilazionare nel tempo.
 
Il giocatore, corteggiato a lungo anche dalla Roma, già dalla fine dello scorso campionato aveva espresso la volontà di trasferirsi all’Inter. Un’intenzione rafforzata dall’arrivo in nerazzurro di Antonio Conte. Il presidente cagliaritano Tommaso Giulini, che aveva fissato il prezzo di Barella a 50 milioni, ha però fatto tremare le gambe ai tifosi interisti, dicendo pubblicamente di avere già “raggiunto un accordo totale” con la Roma per il trasferimento del giocatore: se l’Inter offriva 36 milioni più quattro di bonus, i giallorossi per Barella mettevano sul piatto 35 milioni e il cartellino di Defrel. Un’offerta ritenuta migliore dal Cagliari.
 
Proprio le parole di Giulini hanno prodotto un duplice effetto. Da un lato il ds romanista Petrachi ha dichiarato pubblicamente che la Roma non aveva più intenzione di insistere nella trattativa per il giocatore, dal momento che lui era intenzionato ad andare a Milano. Dall’altra, l’Inter ha deciso di rilanciare per accorciare i tempi del trasferimento, arrivando alla soluzione che il Cagliari ha trovato soddisfacente. Da definire i dettagli dell’operazione, per quanto riguarda le modalità e i tempi del pagamento.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml