MILANO – Dopo il 2-2 dell’andata, Inter e Roma pareggiano anche al ritorno (non accadeva da 16 anni) e, di fatto, fanno felice il Milan che conserva per un’altra giornata il 4° posto. E’ finita praticamente come lo scorso anno, con un gol di El Shaarawy nel primo tempo e 1-1 nerazzurro nella ripresa: la scorsa stagione ci pensò Vecino all’86, stavolta la rete è arrivata prima (61′) e l’ha firmata Perisic con un bel tuffo di testa. Un risultato giusto al termine di una gara ricca di emozioni. La Roma ha dato segnali di ulteriore compattezza, l’Inter di consolidata personalità. Qualità che serviranno ad entrambe per centrare l’obiettivo Champions che, al momento, è molto più vicino per i nerazzurri che hanno comunque ottenuto lo scopo di tenere a distanza una delle rivali più temibili.

SPALLETTI RINUNCIA A ICARDI, RANIERI PERDE MANOLAS – Recuperato in extremis Borja Valero, Spalletti alla fine ha deciso di cambiare una sola pedina nella squadra passata a Frosinone preferendo Lautaro Martinez a Icardi. Sul fronte opposto Ranieri, dopo De Rossi, si è visto costretto a dover rinunciare anche a Manolas, fermato da un risentimento muscolare nel riscaldamento, e allora ha piazzato Jesus accanto a Fazio rilanciando Nzonzi in mediana. Infine ha deciso di schierare Under a destra mandando in panchina Zaniolo.

EL SHAARAWY GELA SAN SIRO – La Roma è partita con il piglio giusto e, dopo aver spaventato per due volte Handnovic con Dzeko e Kolarov, è passata (14′) grazie a una splendida azione personale di El Shaarawy che si è accentrato da sinistra, ha saltato due uomini e con un perfetto destro a giro ha insaccato il pallone nell’angolo opposto.

PALI DI MARTINEZ E D’AMBROSIO – L’Inter, che poco prima era andata vicina al vantaggio con un colpo di testa di Lautaro Martinez deviato sul palo da Mirante, ha iniziato a macinare gioco ma è risultata piuttosto lenta e prevedibile nella manovra. Per accenderla c’è voluto, al 42′, un affondo personale di Asamoah che, complice una deviazione di Fazio, ha sfiorato il palo con un sinistro da fuori dando il via a un’ulteriore tripla palla-gol. Sui due angoli seguenti, infatti, i nerazzurri hanno prima sfiorato il vantaggio con Politano e Vecino e poi hanno colpito il secondo palo (esterno) con un colpo di testa ravvicinato di D’Ambrosio.

ENTRA ICARDI, PERISIC PAREGGIA I CONTI – Ranieri nella ripresa ha provato a dare maggiore sostanza alla mediana inserendo Zaniolo al posto di Under e proprio dal piede del giovane talento di Massa è nata l’occasione per il 2-0, fallita da Pellegrini che ha messo malamente a lato un sinistro da favorevole posizione. Col passare dei minuti la Roma abbassato troppo il baricentro e l’Inter, ridisegnata da Spalletti con il 4-4-2 e l’inserimento di Icardi al posto di uno spento Nainggolan, ne ha approfittato (61′): l’ennesimo traversone dalla trequarti destra, stavolta di D’Ambrosio, ha pescato sul palo più lontano Perisic che, dimenticato dalla difesa ospite, ha comodamente battuto Mirante con un bel colpo di testa in tuffo in diagonale.

UN RISULTATO GIUSTO – Le due squadre non si sono accontentate e hanno comunque costruito le occasioni per vincere: l’Inter le ha mancate con Icardi e, soprattutto con Martinez (destro al volo alto da favorevole posizione), la Roma ha impegnato Handanovic con Pellegrini e, in pieno recupero, con un velenoso sinistro in diagonale di Kolarov. Alle fine, dunque, giusto così. Sorride l’Inter che si tiene dietro la folta concorrenza, la Roma si mette alle spalle il match più insidioso rimastole in calendario e guarda con maggior serenità a un rush finale in cui, comunque, non potrà fallire un colpo.

INTER-ROMA 1-1 (0-1)
Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Borja Valero, Vecino; Politano (39′ Keita Balde), Nainggolan (9′ st Icardi), Perisic; Lautaro Martinez (34′ st Joao Mario). (27 Padelli, 5 Gagliardini, 13 Ranocchia, 21 Cedric Soares, 23 Miranda, 29 Dalbert, 87 Candreva) All.: Spalletti.
Roma (4-2-3-1): Mirante; Florenzi, Juan Jesùs, Fazio, Kolarov; Cristante, Nzonzi; Under (1′ st Zaniolo), Pellegrini (36′ st Kluivert), El Shaarawy; Dzeko. (1 Olsen, 63 Fuzato, 44 Manolas, 8 Perotti, 14 Schick, 15 Marcano, 19 Coric, 27 Pastore, 53 Riccardi). All.: Ranieri.
Arbitro: Guida di Torre Annunziata.
Reti: nel pt 14′ El Shaarawy; nel st 16′ Perisic.
Angoli: 7-4 per l’Inter.
Recupero: 1′ e 3′.
Ammoniti: Vecino, Cristante, Zaniolo per gioco scorretto.
Spettatori: 60.013.


SITO UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/sport/serie-b/rss2.0.xml